mercoledì 11 marzo 2015

Unforgivable sinner


Allora, non posso parlarvi della trilogia “This Man” della Malpas perché la Manu non ha ancora finito di leggerla, non posso parlarvi della mia lettura del momento perché è top secret, e dunque condivido con voi una delle mie tante elucubrazioni — e che è, devo sopportarmi solo io? Anche a voi la vostra parte d’insopportabile me, ecchecavolo. 
Questa elucubrazione nello specifico è di ritorno: mi ha ri-arrovellato la mente ieri, quando per radio hanno trasmesso “Unforgivable sinner”  di Lene Marlin, la ricordate quella canzone? E se sì, la prima versione del suo video musicale l’avete mai vista? Il video è questo: 


Ecco, io ogni volta che ascolto questa canzone ricordo la prima versione del video perché mi colpì da morire. È una specie di film, crea in pochi fotogrammi il vissuto di un uomo, un peso incommensurabile da portarsi dietro, un imperdonabile peccato; racconta di un’amicizia, forse di un amore — anzi, il più puro degli amori — e dell’insostenibile scontro dell’ideale con la realtà, scontro che svela inevitabili mancanze e paure — e terrorizzante meschinità.  
È un video che racconta il passato e il presente. Quello che manca è il futuro e qui scatta la confessione — avrei voluto tanto scrivere un romance che partisse da questo video per raccontare il riscatto di quest’uomo, il suo perdonarsi e fare ammenda... un romance che però non credo scriverò mai :( 

E allora, lo chiedo a voi. In che modo quest’uomo ricomincia a vivere, secondo voi, in che modo può perdonarsi? Avete voglia di raccontarmelo? Sotto forma di racconto o anche di riassunto. Vedete, io soffro quando ascolto la canzone, e voi volete alleviare il mio dolore… non è vero?


56 commenti:

  1. Ma non capisco bene cosa è successo, lui da bambino è scappato e ha abbandonato la bambina a dei delinquenti?

    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, secondo me sì! Un peccato davvero imperdonabile, infatti perseguita il protagonista come un fantasma...

      Elimina
  2. ma lei è morta? non si capisce tanto dal video pero' le parole dicono "and now she's up there, since (credo) like an angel"...
    comunque Nina scusami ma:
    1. quale lettura top secret?!?!?! che è?!?! forse immagino, ma come al solito instilli curiosità senza dare la minima soddisfazione, ti sei accorta di questa tua tendenza, si'?
    2. la smetti di dirci dei libri che non scriverai mai? grazie.
    3. grazie per this man trilogy, ahaha, ti giuro che sarà la prima cosa che leggero' quando usciro' dalla quarantena "no books"
    4. non guardare me per questo atto perché oggi è la prima volta che guardo tutto il video e forse che ascolto la canzone per intero...
    5. ma che fine ha fatto Lene Marlin?

    Manu

    RispondiElimina
    Risposte

    1. >> ma lei è morta?

      Eh, secondo me sì :(
      Altrimenti non si spiegherebbe il terribile rimorso di lui, se lei fosse sopravvissuta. Certo, lei potrebbe essere stata menomata/potrebbe avere avuto conseguenze incurabili dal punto di vista fisico o psichico, ma io penso sia morta :'(
      Questo però lo puoi decidere QUANDO MI SCRIVERAI IL SEGUITO. Ahahahahh. Dai, non me lo scrivi davvero?

      >> come al solito instilli curiosità senza dare la minima soddisfazione

      Che tra l'altro è una cosa che odio xD ma non riesco proprio a non accennare alle cose che faccio... tipo rana dalla bocca larga!!!

      Elimina
    2. Nina, è piu' o meno come chiedermi di scrivere un seguito per una canzone di Max Gazzé...
      Cioè anche considerando il fatto che i presupposti intrigano e anche io adoro le seconde occasioni, partendo da questa canzone mi sarebbe del tutto impossibile...

      Vabbeh, lo scopriremo, tanto prima o poi le cose top secret vengono allo scoperto... ;)

      Manu

      Elimina
    3. cmq nel mio seguito lei non sarebbe morta, ma solo stuprata. ("solo"... va beh...)
      vedi, ti ho anche dato uno spunto nonostante la repulsione per scrivere questo libro abbandonato... ma io ne voglio altri pero'...
      no, non comincio dai, pero' io aspetto altre storie, tu sai quali.

      Manu

      Elimina

    4. >> Nina, è piu' o meno come chiedermi di scrivere un seguito per una canzone di Max Gazzé

      Ahahah... ma scusa, metti il mute, sotto ti spari a palla Demons degli Imagine Dragons, e...

      Elimina
    5. AHahaha... ma non ci penso nemmeno!
      Sono già impelagata nel mio cacchio di brodo poi! Che piu' che brodo sono faticosissime sabbie mobili.

      Manu

      Elimina
    6. :( :( :(

      Cioè, nessuno mi scrive sto cavolo di seguito... ho capito!!!

      Elimina
    7. vuol dire che devi scriverlo tu... ;)

      Elimina
  3. Non ti posso raccontare il seguito, perché come si suol dire non potrei inventarmi una storia to save my life. Comunque è un peccato che non la scrivi tu, la seconda occasione è uno dei miei temi preferiti (non a caso adoro Persuasione della Austen), soprattutto perché poi nella vita vera non c'è quasi mai.
    C'è un libro di Anne Stuart che NON ti consiglio, in cui lei e lui sono adolescenti e per colpa di una sua azione lei viene violentata e si rincontrano poi dodici anni dopo e la fine è pure vagamente Lemonadesca (a roli invertiti). È Into the Fire e nonostante il titolo la trama fa acqua da tutte le parti (haha), su AAR gli hanno pure messo D, ma a me è piaciuto tantissimo.

    Paola

    RispondiElimina
    Risposte

    1. >> C'è un libro di Anne Stuart che NON ti consiglio

      Se è in inglese passo direttamente, ma se lo trovo in italiano magari potrei provarci, leggendo prima la fine e poi il principio (per calmare l'ansia...)

      Elimina
  4. No, non esiste in italiano, ma che ansia? È un romantic suspense, i cattivi muoiono e l'amore trionfa. ;)

    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....
      ...
      ....
      ...è che io sono un'anima sensibile... ahahah... mi traumatizzo facilmente!

      Elimina
  5. Ciao Nina,
    sono una grande ammiratrice dei tuoi romanzi e mi piaceva molto questa canzone...il testo (ahimè) non lascia molte speranze sulla sorte della ragazzina ("lei lassù cantava come un angelo")...ma magari lui è solo convinto che sia morta...ma non è così...ti prego (ti prego, ti prego) scrivi il seguito.
    Baciii
    B

    RispondiElimina
    Risposte

    1. >> ma magari lui è solo convinto che sia morta...

      Ciao B ben arrivata ♥
      Devo dire che io a differenza di voi (almeno a leggere i commenti) non ho mai dubitato che lei fosse morta... purtroppo :'( Il personaggio che mi sarebbe piaciuto sviluppare era lui, il traditore, il codardo che non è stato all'altezza di se stesso e della sua dolce amica: vorrei farlo redimere, soprattutto agli occhi di se stesso, mettendolo in condizione di amarsi (e di conseguenza amare) di nuovo, dopo una tragedia del genere che non solo ha ucciso la ragazzina, la sua amica del cuore, ma ha riempito lui di disprezzo verso di sé...
      Ma che cosa potrebbe succedere?
      Dovrebbe comportarsi da eroe, questo è certo... ma dove? Quando? E ci deve essere una donna che lo ama, ma lui la respinge per via di quella cosa... non si sente un uomo degno d'amore vista quella cosa che è successa (come dargli torto?)...
      Raccontatemi che succede... vi prego... sono troppi anni che aspetto di redimere quel ragazzo triste nella stazione!

      Elimina
    2. Uhm, uno che si porta dentro un tale senso di colpa non ce lo vedo a fare l'assistente sociale. Mi è venuto in mente che ne "La solitudine dei numeri primi" il protagonista molla la sorella autistica in un parco per andare ad una festa e poi lei sparisce. Non ricordo bene il romanzo, ma la dinamica potrebbe essere simile.
      B

      Elimina
    3. Dici così perché, se avesse trovato un lavoro così... risolutore, avrebbe calmato il suo senso di colpa?
      O perché un uomo così... fallito dal punto di vista umano non potrebbe credere di essere in grado (o degno) di aiutare gli altri, e quindi non farebbe un tale lavoro?
      Però, se non gli fai fare niente di utile, allora... allora che fine fa questo ragazzo? Senza l'ancora dell'utilità sociale? Non so... a quel punto me lo vedrei come ubriaco/drogato/depresso e/o con tendenze suicide... mmmm.
      Non ho letto "La solitudine dei numeri primi"! In alcune recensioni lo avevano definito qualcosa come "paraculo", "furbetto"... mi sono fatta condizionare... che dici, dovrei leggerlo? Mi piacciono i libri pesi e se me lo consigli...

      Elimina
    4. Esatto; se il tipo riuscisse a incanalare il suo senso di colpa nell'aiutare gli altri, in qualche modo significherebbe che ha trovato un suo equilibrio, che ha accettato quanto è successo in passato (anche se forse non si perdonerà mai). Invece a me il video comunicava l'immagine di un uomo tormentato che ha cercato di rimuovere il suo dramma, che rifiuta il passato.
      Sinceramente non saprei se consigliarti "La solitudine dei numeri primi", l'ho letto in un momento in cui non ero molto presente a me stessa, infatti quasi non l'ho ricordo, però mi è rimasta molto impressa la scena di cui ti parlavo, proprio per lo schiacciante senso di colpa che accompagna il ragazzino come conseguenza di un'azione la cui gravità, sul momento, lui non può percepire.
      B.
      ps anche io rischio la crisi di astinenza se non pubblichi presto qualcosa!

      Elimina

    5. >> Invece a me il video comunicava l'immagine di un uomo tormentato che ha cercato di rimuovere il suo dramma, che rifiuta il passato

      Capito il tuo punto di vista! Certo, così le cose si complicano... però è affascinante vedere quante strade si possono prendere dallo stesso spunto :)

      >> però mi è rimasta molto impressa la scena di cui ti parlavo

      Sai che quella scena la conoscevo anche io, pur non avendo letto il libro e neppure saputo con certezza che era quello il libro... perché è un avvenimento così scioccante che rimane impresso, impossibile non "sentire dentro" il senso di colpa del ragazzino che ha abbandonato la sorella...

      Elimina
  6. Oh, mamma, sarà una fantasia un po' banalotta, ma è la prima che mi è venuta in mente...chiedo venia.
    Allora, lui per espiare questo atto di codardia da grande diventa un assistente sociale che dedica la propria vita, fino ad annullare se stesso nel lavoro, a salvare i ragazzini dalla strada e dai tanti pericoli che essa implica... La "lei" della situazione è una teppistella dal (breve) passato burrascoso, che gli farà "vedere i sorci verdi".
    Mammamia, per fortuna che io non scrivo romanzi... :-(
    Ha una funzione terapeutica questo dar libero sfogo alla fantasia? ;-)
    Comunque sì, anche per me la bambina è morta...

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Mi piace Ermione! E grazie di aver colto il mio invito :*

      Ma ora — ehehehe — non pensare di cavartela così. Rimane un punto in ombra: ok, lui ora fa ammenda, ma rimane il fatto che in un momento di crisi (da ragazzino, in quell'episodio) ha tradito se stesso e lei; come può sapere che in un altro momento di crisi non lo farà di nuovo? In pratica, come riacquisterà piena fiducia in se stesso? Perché è facile "essere buoni" quando va tutto bene... mmmm...
      Magari potrebbe salvare la ragazza problematica in una situazione speculare... lei aggredita da spacciatori/gangster... forse un climax non originalissimo ma, in effetti... sarebbe quello che avrei scritto alla fine mi sa xD

      ♥ ♥ ♥ Grazie mille Ermione ♥ ♥ ♥

      PS. E sì, per me è terapeutico... una sorta di brainstorming per superare le cose storte, ecchecavolo xD

      Elimina
    2. In un romance che ho letto la protagonista si sentiva responsabile della morte della sorella gemella, diventava una killer (al servizio diciamo dei "buoni") e alla fine si riscattava in una missione suicida per salvare una ragazzina (ma l'eroe ovviamente arrivava a salvare anche lei). Te lo consiglierei, ma è in inglese. :p

      Paola

      Elimina
    3. >> Magari potrebbe salvare la ragazza problematica in una situazione speculare... lei aggredita da spacciatori/gangster... forse un climax non originalissimo ma, in effetti... sarebbe quello che avrei scritto alla fine mi sa xD

      Mi piace, Nina! E la "lei" in questione deve essere veramente pestifera, dura fuori e fragile dentro. Deve mandarlo letteralmente fuori di testa, fargli mettere in discussione il suo ruolo di "Salvatore". Normalmente non sono così cattiva, ma, capisci, l'unica cosa commestibile oggi nella mensa del luogo in cui lavoro era un piatto di pasta scotta, viscida e insipida... su qualcuno devo pur sfogarmi ;-)
      Ma tu scrivi, scrivi!!! :-P
      Per me è terapeutico leggere i tuoi romanzi e confesso di essere ormai prossima ad una crisi di astinenza... ;-)

      Elimina
    4. @Paola:

      >> Te lo consiglierei, ma è in inglese. :p

      Ahahaha vade retro...

      >> alla fine si riscattava in una missione suicida per salvare una ragazzina

      Sì, è l'unica cosa che viene in mente anche a me... una specie di contrappasso... dove però lui, questa volta, riesce a stare dalla parte giusta anche se rischia.

      @Ermione:

      >> Per me è terapeutico leggere i tuoi romanzi

      Grazie Ermione sono contenta :') anche perché in genere mi dicono che i miei romanzi fanno venire la gastrite... un bel cambiamento xD

      Elimina
    5. PS.

      >> Normalmente non sono così cattiva, ma, capisci, l'unica cosa commestibile oggi nella mensa del luogo in cui lavoro era un piatto di pasta scotta, viscida e insipida... su qualcuno devo pur sfogarmi

      Ahahahah... pensa che io sono a dieta e persino la pasta scotta mi sembra un miraggio... mi devo proprio sfogare su qualche personaggio xD

      Elimina
    6. >> Grazie Ermione sono contenta :') anche perché in genere mi dicono che i miei romanzi fanno venire la gastrite... un bel cambiamento xD

      Beh, sì, effettivamente diciamo che scombussolano un po' l'apparato gastro-intestinale, ma in modo piacevole e "catartico"... li adoro proprio per questo! ;-)

      Elimina
  7. Nina, io non sono brava a dare l'età alle persone. Secondo il te bambino quanti anni aveva quando è successo il fattaccio? Questa informazione potrebbe essermi utile...

    Stasera sono stravolta, ma spero che la notte porti consiglio e, magari, domani riesco a partorire una sinossi.

    La canzone la ricordo... era un tormentone. La trovavo assai deprimente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmmm... direi... 9-10 lei, 11 lui? Potrebbe essere?
      (Se la canzone ti sembrava deprimente allora, dopo aver visto questo video... xD )
      Aspetto ansiosa la tua sinossi Ludo! Che riesca finalmente a metabolizzare questo video?...

      Elimina
  8. cacchio che pera! era "SINGS" like an angel!!!
    vabbeh vado a nascondermi un attimo, scusate. ciao.

    ma prima volevo chiedere, ma che mangia una vegan a dieta Nina? una giornata tipo?
    perché già non avete un sacco di roba che fa ingrassare...

    Manu

    P.S. voi continuate sulle vostre idee, ma per me non è morta! oh!
    quoto l'idea del "lui pensa che sia morta", magari per un sacco di anni, ma in realtà no. :P

    RispondiElimina
    Risposte

    1. >> cacchio che pera!

      Aahahah adoro "pera"

      >> ma prima volevo chiedere, ma che mangia una vegan a dieta Nina?

      Ma Manu, io sono tutta strana, assolutamente da non prendere a esempio! Per me stare a dieta significa mangiare quel che mi pare fino all'una/una e mezza e poi non mangiare più niente (tranne uno yogurt Granarolo alla soia — soia BIANCO) fino al giorno dopo...
      Se va proprio di lusso lo yogurt è alla fragola!!!
      E poi la notte mi sveglio perché ho fame.
      Neanche a precisare che è una dieta fai da te vero?
      Comunque stasera mangio la pizza... fuck all of this xD

      >> P.S. voi continuate sulle vostre idee, ma per me non è morta! oh!

      Ahahah... ma hai piena libertà creativa, Manu! Per me è ok qualsiasi soluzione, lieta possibilmente... basta che mi dici come va a finire!!!

      Elimina
    2. Ah, pensavo fosse una cosa diversa... ma uno yogurt dalla sera fino al giorno dopo... mappela che brava a resistere cosi'.
      cmq io sarei in grado di ingrassare anche da vegan, in fondo i carboidrati e le patatine fritte potete mangiarli...
      ma che mangi di proteine? seitan e robe alla soja? se hai qualche spunto dammelo, perché io sono bassissima di ferro e molto probabilmente devo cominciare i pilloloni per integrare.
      ahaha, cmq il giovedi' è giorno pizza anche per me! yeah!

      sulla storia, io sono sulla linea di B praticamente, mi ritrovo a sensazione in quello che dice lei, decisamente.
      ovviamente finirebbe bene, mi piacerebbe che lui non la riconoscesse all'inizio, quando si rincontrano dopo anni e anni, anche perché lui è convinto che lei sia morta.

      Manu

      Elimina

    3. >> mi piacerebbe che lui non la riconoscesse all'inizio, quando si rincontrano dopo anni e anni, anche perché lui è convinto che lei sia morta

      Intrigante... e apre un sacco di prospettive! Ma Manu, hai notato che piano piano stai tirando fuori la storia? Ahahah sapevo di riuscirci... sono diabolica xD

      >> ma che mangi di proteine? seitan e robe alla soja? se hai qualche spunto dammelo

      Ecco, premesso che non sono un esempio da seguire... diciamo che di proteine vegetali adesso se ne trovano tante in formato cool, vegburger strachicchio valsoia spalmabile latte e yogurt di soia... il tofu è pessimo però insaporito con le verdure non è male, tipo hai mai preso il tofu piccante dai cinesi?
      Però in genere io sono più tradizionale, sarà che adoro le zuppe di cereali e legumi, per non parlare di pasta e piselli, pasta e ceci, riso e lenticchie, quindi in genere prediligo quelle cose lì.
      Sai cosa? Hanno aperto una specie di fastfood vegan adesso in molte città, "Universo Vegano" si chiama, l'hanno aperto da poco anche a Rimini... secondo me c'è anche nella tua città! Se vai lì trovi millemila cose che possono darti spunto, veganburger vebab (kebab vegetale) e cose così...

      >> perché io sono bassissima di ferro e molto probabilmente devo cominciare i pilloloni per integrare

      :( :( :(

      Sapevo che il limone aiuta molto nell'assorbimento del ferro: un bel piatto di spinaci olio e limone? O in genere il limone con alimenti pieni di ferro? (Io vado matta per il limone quindi per me è una festa metterlo a destra e a manca).

      Elimina
    4. non digerisco NULLA di quelle cose... hamburger di soja, vegburger, affettati veg, eccetera. nulla. :(((
      per questo quello è tutto eliminato per me.
      anche il seitan lo trovo pesante. solo il tofu mangio volentieri, e mangio sia natur che alle erbe. piccante ancora non l'ho trovato.
      io mangio i formaggi e le uova (chiaramente non quelle industriali, mentre sui formaggi prendo il piu' possibile bio, ma alcune cose in fattoria non ci sono), pero' a quanto pare non bastano... :(
      in compenso mi hai fatto venire una voglia di spinaci olio e limone... oh my god! in pausa pranzo vado a cercarli!
      cerchero' universo vegano e tra l'altro adesso mi hai ricordato un blog che leggevo spesso anni fa, il vegan blog... ora vado a cercarlo.

      ---Intrigante... e apre un sacco di prospettive! Ma Manu, hai notato che piano piano stai tirando fuori la storia? Ahahah sapevo di riuscirci... sono diabolica xD

      ahaha, basta non vedere e non sentire Lene Marlin... ahahah
      questo è diventato tipo brainstorming collettivo poi, molto carino. :)

      Manu

      Elimina

    5. >> non digerisco NULLA di quelle cose... hamburger di soja, vegburger, affettati veg, eccetera. nulla. :(((

      Mi ero dimenticata! È vero ne avevamo anche parlato una volta di questa tua cosa... cazzarola però :(

      Elimina
  9. Allora...

    Incominciamo dalla canzone e dal video. Io giustifico un tale accanimento contro quel pover'uomo che all'epoca era un bambino di 9/10 (ci eravamo scritte così) solo da parte di chi è stato direttamente coinvolto nella morte della bambina: genitori, parenti... ci siamo capiti.

    Per il resto, credo che quella del bambino di allora fosse una delle infinite reazioni possibili e anche giustificabili.

    Che, poi, chi ti dice che il futuro will not remember? Cosa ne sai?

    Quest'uomo merita redenzione. Il fatto che senta il peso di quello che ha fatto da bambino lo trovo estremamente umano.

    Facciamogli trovare qualcuno a New York, qualcuno che nella grande mela ci vive da anni, che ha visto di tutto, di ampie prospettive. Magari qualcuno, tuttavia, a cui non è mai capitato qualcosa di atroce, che non è mai stato segnato come l'uomo del video.

    Tra i due scatta l'attrazione, poi il sentimento. L'uomo, infine, confessa la sua grande 'colpa' e, qui, incomincia il conflitto perché la nostra newyorkese cafata, per quanto abbia la mentalità aperta, non si è mai trovata personalmente toccata da qualcosa che ha il potere di distruggere...

    Partirei da uno spunto del genere. Bisognerebbe, poi, cercare di costruire la personalità dei due. Nessuno dei due insicuri, please. Sarebbe troppo complicato, dobbiamo già lavorare sull'autostima del protagonista maschile. Diciamo lei introversa, con una buona propensione ad ascoltare e ad ascoltare a lungo, e lui estroverso (anche gli estroversi rimuginano.)

    Nina, la palla passa a te.

    RispondiElimina
    Risposte

    1. >> Nina, la palla passa a te

      Nuuuuuu è da anni che mi perseguita, voglio rifilarlo a voi come da bambini ci si passava il "suora!" (tu attaccavi il "suora" al vicino quando vedevi una suora, vero?... o sono cresciuta solo io tra gente strana? xD )

      Io continuo a pensare, però, che lui abbia problemi caratteriali quantomeno gravi, al limite dello psicotico (come alla fine mi ritrovo sempre a scoprire nei miei personaggi - ahahah). Però lui sarebbe psicotico non come i miei personaggi, più alla Sheridan Drake pensavo ("Seize the Fire" della Kinsale)... però meno divertente di Sheridan... sì, decisamente più serio di Sheridan.
      Secondo me deve succedergli qualcosa che lo fa rinascere... sgrumble... e per rinascere bisogna prima "morire" figurativamente parlando... mmmm. Lo sapevo che mi re-incartavo con questo video, mannaggia a lui :)

      Elimina
    2. Al limite dello psicotico? Alla faccia...

      Se vuoi farlo 'morire' gli puoi far capitare la stessa cosa che è capitata alla bambina, minus l'effettivo rigor mortis. Fagli perdere un arto o qualcosa di importante, almeno, altrimenti la catarsi non ha lo stesso peso...

      Elimina
    3. P.S. Sì, io attaccavo sicuramente qualcosa, ma non ricordo se era suora o qualcos'altro.

      Elimina

    4. >> Al limite dello psicotico? Alla faccia...

      Ahahah... boh è che mi è venuto in mente Sheridan di Seize the Fire... che era un po' molto fuori in effetti... ma forse sarebbe troppo per il tipo del video... non so, ci dovrei pensare, provare a immaginarlo, ma non voglio... nuuuu tocca a voiiiiiiiii

      Elimina
  10. io attacco la suora anche adesso... ;)

    Manu

    RispondiElimina
  11. Salve a tutte,

    Eccomi a dare il mio tardivo contributo al giochino "inventiamo una sinossi" che hai lanciato, Nina.

    Ovvero "ho la sindrome da pagina bianca e sono cosi' disperata da cercare ispirazione nelle mie fan".;)

    Ok smetto di dileggiarti, per quanto tu te li meriti vista l'astinenza a cui mi/ci costringi, ed ecco il mio seguito:

    Lui dopo quella sera convive con lo spettro della bambina, che li perseguita. Nonostante cio' provera' a costruirsi una vita normale, ma il suo matrimonio fallira' e lui si sta rassegnando a una vita di oblio (beve), fino a che na sera nei bassifondi di chissa' dove si trova davanti la stessissima situazione, una bambina in pericolo, e stavolta lui sara' in grado di proteggerla. La riporta alla sua casa
    aspettandosi di essere accolto come eroe ma la madre della bambina lo guarda con sospetto se non con astio...

    Poi un po' di prevedibili schermaglie, l'amore della madre restia e il riscatto e il perdono del fantasma grazie all'affetto della bambina. Come se la sua amica morta fosse una sorte di angelo custode, che una volta messa in salvo la sua custodita puo' ritirarsi in pace.

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Nuuuuuuuuuuuuuuu Lucia non pensare male, non voglio plagiarvi xD
      Anche se la tua trama mi piace davvero moltissimo :) Anche io lo immagino un po' disturbato, come protagonista... sì, che beve o si fa di psicofarmaci (come in "Help! A bear is eating me!", dove il protagonista affonda i suoi malesseri in pillole di ogni genere...)

      Elimina
  12. Ma come non vuoi plagiarci, questa la prendo come una grandissima offesa XD.


    RispondiElimina
  13. Lene Marlin *___*
    Questo canzone è uscita quando ero alle scuole medie, nostalgiaaaa!
    Passando al video...
    La situazione è molto Kinghiana: ragazzini con le biciclette, notte buia e tempestosa, orrendi rimorsi di coscienza del protagonista che si porta dentro la versione fanciullesca, impotente e impaurita, di se stesso.
    Lui, da bambino, è grassoccio e pavido, vessato dai bulli e soffocato da amorevoli cure materne che l'hanno reso un insicuro. Lei è tosta, ha imparato fin da piccola a cavarsela da sola (la madre è alcolista), ed è a sua volta ghettizzata dagli altri bambini perché ha un carattere difficile ed è un tipo bizzarro. Tra incompresi ci si intende e i due diventano amici con la A maiuscola. Lei è una bambina che adora le sfide, cerca sempre di infilarsi in qualche guaio, e lui la segue troppo impaurito per protestare: non vuole sfigurare agli occhi di lei. Fino alla sera del 'fattaccio'.
    I ricordi di loro da bambini ricorrono come lunghi flashback e hanno una importanza fondamentale ai fini della trama.
    Dopo il 'fattaccio' (la colpa del protagonista è quella di essersela data a gambe se ho ben capito) lui assorbe il trauma, ma non elabora mai il dolore; il senso di colpa non lo schiaccia, al contrario, lo incattivisce. Il ricordo di quella notte si trasforma in un cancro che lo divora lentamente: diventa un avvocato senza scrupoli, senza sentimenti, uno che va avanti calpestando gli altri. Fino al giorno in cui non si imbatte (un impatto consistente, fisico) in una ragazza allo sbando che ha capelli biondi simili a quelli della sua amica mai dimenticata. Qui iniziano i suoi turbamenti, le visioni legate al passato, le notti insonni, i ricordi dolorosi che per anni ha sepolto dentro di sé. Lei (la ragazza bionda) è in fuga da un passato pericoloso, che la perseguita. E rappresenta una seconda occasione, per lui, di fare i conti con quel bambino impaurito che non si è mai scollato di dosso. Deciderà di aiutarla, riscattandosi, o resterà legato alla sua incapacità di affrontare la situazione?
    Nina, che dici, ce lo scrivi? *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesca, sono senza parole *______* che penna, che penna... OMG
      Perché non lo scrivi tu? Perché? Dico sul serio... un romanzo così... mi ci tufferei in apnea, a leggerlo senza possibilità di fuga...
      Non avevo notato le ascendenze kinghiane e ora che mi ci fai pensare... ma non cominciava così un suo racconto, "A volte ritornano", dove il fratello più piccolo lasciava il fratello più grande tra le mani dei bulli che, in effetti, lo uccidevano? Il caso è diverso perché lì il fratello maggiore diceva proprio al piccolino di scappare, però... però!

      PS. Lo devo ribadire: Francesca sono innamorata della tua penna ♥

      Elimina
    2. Francesca, stai scrivendo, by the way?

      Sempre che tu te la senta di metterci a parte, si intende.

      Elimina
  14. Wow bellissima trama!!!
    Complimenti Francesca!!
    Anche io mi ci tufferei in questa trama.

    BRAVA!

    RispondiElimina
  15. Francesca D, sei una scrittrice?

    RispondiElimina
  16. Sì, è una scrittrice. Ha scritto Le stanze buie, un romanzo pubblicato per i tipi di Mursia, e altri racconti.

    RispondiElimina
  17. Riepilogando: c'e' una bella traccia, la colonna sonora e ben due scrittrici...

    Premesse promettenti. ;)

    RispondiElimina
  18. >>Non avevo notato le ascendenze kinghiane e ora che mi ci fai pensare... ma non cominciava così un suo racconto, "A volte ritornano".

    Sì! *_* Anche se i ragazzini con le biciclette per me saranno per sempre quelli di It^^ (O quelli di E.T., ma quella è un’altra storiaXD)
    King, per quanto mi riguarda, è maestro indiscusso nel narrare l’infanzia. I suoi bambini/ragazzini sono sempre così maledettamente reali.

    >>Perché non lo scrivi tu? Perché? Dico sul serio... un romanzo così... mi ci tufferei in apnea, a leggerlo senza possibilità di fuga...

    Tu mi lusinghi, e ti ringrazio, ma è giusto un’ideuzza buttata giù così, nel tedio di un ufficio silenziosoXD
    Fino ad aprile sono in ballo con il mio adorabile (si fa per dire) boscaiolo malmostoso. Poi, chissà, potrei farci un pensierino. Ma non vorrei mai appropriarmi di un’idea tua, e sono intimamente convinta che sapresti gestire il protagonista e le sue turbe mentali molto meglio di quello che potrei fare io. I personaggi tormentati sono la tua specialità^^

    >> Francesca, stai scrivendo, by the way? Sempre che tu te la senta di metterci a parte, si intende.

    Ludo, sei gentile a chiederlo^^ Sì, in effetti sto scrivendo come una matta, nella speranza di riuscire a partecipare a un concorso che scade ad aprile. Poi ho anche un’altra novità, talmente bella che ancora non ne parlo per scaramanzia… (e un po’ perché non ci credo nemmeno io). Stay tuned! ^_-

    Lucia Bus, grazie dei complimenti! *//* Sono felice che questa idea vi abbia entusiasmate. Facciamo una petizione affinché Nina ci scriva la storia!XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In bocca al lupo, Francesca!

      In vero sono molto curiosa... Magari riconquisterai Londra con questa nuova fatica.

      Elimina

    2. >> Anche se i ragazzini con le biciclette per me saranno per sempre quelli di It^^

      Ayo Silver VAIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII...

      >> Fino ad aprile sono in ballo con il mio adorabile (si fa per dire) boscaiolo malmostoso

      Lo amo... lo amo... già sai :)

      >> Ma non vorrei mai appropriarmi di un’idea tua

      Ma scherzi? Semmai è un'idea di Lene Marlin, anzi del regista del video, che a Lene non deve neppure essere piaciuto visto che dopo ne sono usciti altri due sostitutivi privi di ogni valore, di ogni pathos e pieni, invece, di una banalità sconcertante...
      E poi diciamocelo, è un'idea usata e riusata, solo in questo post abbiamo già trovato due autori che l'hanno utilizzata... quindi... non hai scuse eheheh
      No davvero, se tu lo scrivessi, non potrei che ringraziare il cielo... e dunque... se mai te ne venisse voglia...

      >> I personaggi tormentati sono la tua specialità^^

      Ah perché Vittorio... invece! ;)

      >> Poi ho anche un’altra novità, talmente bella che ancora non ne parlo per scaramanzia…

      Io ho un sospetto per un tuo bellissimo status su FB letto qualche settimana fa... mi ha reso felicissima perché è uscito dopo qualche giorno in cui avevamo parlato di un certo argomento, e quella chiacchierata mi aveva lasciato l'amaro in bocca perché tu hai talento - anzi, da adesso in poi te lo riassumerò in THT, perché lo ripeto e lo ripeterò all'infinito - e il mondo non può non accorgersene!
      In bocca al lupo Francesca per qualunque cosa sia.

      Elimina
    3. >> Ah perché Vittorio... invece! ;)

      No, dai, niente di paragonabile. Vittorio è più sul genere maniaco ossessivo-compulsivo/sociopaticoXD

      >> mi ha reso felicissima perché è uscito dopo qualche giorno in cui avevamo parlato di un certo argomento, e quella chiacchierata mi aveva lasciato l'amaro in bocca perché tu hai talento.

      Sìììì, infatti mi hai portato fortuna! *__* Sul discorso del talento, mi fai arrossire. Sei troppo buona con me^^
      Appena ho notizie certe vi faccio sapere!

      Elimina