lunedì 1 settembre 2014

Asami Ryuichi


Ok, ho appena trovato il mio uomo ideale. Ora, lasciamo perdere che sia gay e appartenga alla Yakuza perché questi, ovviamente, sono particolari ininfluenti.
E lasciamo anche perdere il fatto che sia un personaggio di fantasia e la storia dell'anime a cui appartiene (dal titolo "Viewfinder", a proposito - c'è anche il manga, che non ho letto e non ho intenzione di leggere) sia brutta e i personaggi poco caratterizzati.

Parliamo solo di lui, Asami Ryuichi.


Ovvero, a dream come true... be', quanto "true" possa essere un personaggio di un anime, almeno.

Asami. Asami è figo, il che non guasta, ma soprattutto è un figo di quella fighetteria elegante e fredda che mi fa impazzire: completi di Armani o giù di lì, con tanto di gilè (come ci si aspetterebbe da un signore della droga, in effetti).


Asami è imperturbabile. Non si scompone. Non ride, al massimo fa mezzi sorrisi. La voce di Asami è bassa e controllata — e risulta sexy persino in giapponese, onore al suo doppiatore che è riuscito nel miracolo (basta ascoltare l'altro protagonista, Takaba Akihito, per capire cosa voglio dire — santo cielo, perché Takaba ha quella voce, perché fa quei versi?).


Asami fuma. Per dirla più precisamente, Asami ha SEMPRE una sigaretta all'angolo della bocca. Anche la sigaretta, come il resto di lui, non si scompone. (Chiunque fumi o sia stato fumatore, sa che tenere una sigaretta all'angolo della bocca fa andare il fumo negli occhi. Il che fa un male cane. Problemi, questi, che non interessano Asami. A LUI queste cose non succedono.)


Dunque, visto che è un meraviglioso personaggio, se vi va di conoscerlo potete guardare tre puntate dell'anime con i sottotitoli in italiano (io ho trovato migliori le stesse puntate con i sottotitoli in inglese, perché alcune frasi sono completamente fraintese in italiano, ma non sottilizziamo). Dovrete sopportare una storia imbarazzante e quell'insulso co-protagonista Takaba, ma non si può avere tutto dalla vita. Una sola e FONDAMENTALE precisazione: la visione è indicata per un pubblico adulto. C'è coercizione sessuale e quindi, se la cosa vi dà fastidio, lasciate perdere. (Ma vi perderete Asami. E credetemi, sarebbe una GRAN perdita.)

Ecco le puntate sottotitolate in italiano:

Puntata 1
Puntata 2
Puntata 3

Ed ora ecco a voi un video fatto da un fan, un video che potrebbe far arrossire qualcuna di voi, quindi siete avvisate. Ma la canzone usata come colonna sonora è caruccia, così...



24 commenti:

  1. Ahahahha....sei fantastica e concordo pienamente. Ho visto qualche puntata sottotitolata in inglese e mi sono invaghita a livelli assurdi ;)

    RispondiElimina
  2. Non sapevo la storia del fumo che ti va negli occhi se tieni la sigaretta posizionata all'angolo della bocca.

    Andando fuori tema, ma rimanendo in area anime: qualcuno sta guardando la serie di Sailor Moon uscita per il ventennale?

    RispondiElimina
  3. >> mi sono invaghita a livelli assurdi

    A chi lo dici :D
    Peccato per la storia francamente inconsistente. Asami da solo basta a renderla bella, comunque. Credo che infilerò un personaggio del genere in un mio prossimo libro. Oh, devo averlo, possederlo, fosse anche solo in un libro ♥

    >> Non sapevo la storia del fumo che ti va negli occhi se tieni la sigaretta posizionata all'angolo della bocca

    Beh, tutte le volte che ci ho provato io, per darmi un tono da gangster, mi sono ritrovata a piangere come una fontane con il rimmel tipo panda. Però c'è da aggiungere che io sono io. Goffagine è il mio secondo nome :D

    >> qualcuno sta guardando la serie di Sailor Moon uscita per il ventennale?

    Non so niente di queste puntate di Sailor Moon! Sono nuove? Ci dici di più? Si trovano le puntate in giro - tipo youtube - sottotitolate in italiano o inglese?

    RispondiElimina
  4. In occasione dei vent'anni dall'uscita di Sailor Moon, è stata realizzata una nuova prima serie, completamente rivisitata: Sailor Moon Crystal.

    La prima puntata è stata trasmessa a fine luglio sul web ed è stata regalata gratuitamente a tutti i fan che se la sono potuta gustare con i sottotitoli nella propria lingua (italiano compreso.)

    Non so quanto sia facile reperire questa prima trasmissione. Io, in ogni caso, la guardo con i sottotitoli in inglese qui:

    http://anilinkz.com/search?q=sailor+moon+crystal

    Sulla realizzazione di Sailor Moon Crystal, NHK World ha dedicato buona parte di una puntata di Imagine-nation, che è ancora visibile via internet qui:

    http://www3.nhk.or.jp/nhkworld/english/tv/imagine/arch.html#a20140807arch

    (puntata trasmessa il 5 e il 6 agosto)

    Io sbandarellavo per Sailor Moon a quei tempi e, devo ammettere, che anche questa nuova serie tributo mi piace assai. I disegni si rifanno più a quelli del manga e hanno studiato lo stile dei personaggi in modo che potesse piacere sia a vecchi che nuovi fan.

    W La combattente che veste alla marinara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah... W Sailor Moon, allora!
      Domani la guardo. Grazie per la preziosa informazione!

      Elimina
  5. Benvenuta nel mondo degli amori virtuali per personaggi irreali.
    Il mio ultimo è stato il detective dell'FBI del videogioco Heavy Rain
    http://it.heavyrain.wikia.com/wiki/Norman_Jayden
    Forse ti piacerebbero gli shonen manga, io avevo iniziato Freesia
    http://www.animeclick.it/manga/Freesia
    ma era pieno di sesso violento, davvero troppo duro per me...
    Comunque un post inatteso, che forte!! :-)

    Skyla

    RispondiElimina
    Risposte

    1. In realtà è una vita che mi innamoro di personaggi irreali :D
      Norman Jayden? Esteticamente non mi attira, ma poi il carattere vuol dire molto! Ma con i videogiochi lo sai, non vado d'accordo... a meno che non ne traggano un film, dubito che lo conoscerò mai! :(
      Ho letto la trama dello Shonen, sembra interessante e violenta, se trovo il tempo ci do un'occhiata... intanto grazie per il consiglio ^^

      Elimina
    2. Figurati, non so mai quanto i consigli per gli acquisti dopo un post siano graditi...
      a volte mi trattengo pensando... magari vuole solo condividere un pensiero
      e noi giù a fare la lista dei nostri preferito... cose così :-)
      Nel frattempo sai che ho finito la stesura del mio "coso"?
      Ma proprio tutta... stamattina mi sono fatta violenza e ho iniziato a rileggere,
      mi ci vorrà un secolo!

      Skyla

      Elimina
    3. A me piace scoprire cose nuove, poi se vedo che non sono di mio gusto, pazienza, ma almeno ci provo, e quindi i consigli sono sempre graditi!
      Ottimo, per il coso! Felice di sapere che ti sei data da fare. Devo ricominciare anche io a "lavorare" perché siamo già al due di settembre! Finito il beato tempo del cazzeggio

      Elimina
  6. Beh, io ho all'attivo un'infatuazione pazzesca per Marcus Fenix di Gears of war. Dio come adoravo sentirlo comandare i soldati. Ahahahahahahah. Ci sono rimasta malissimo quando ho scoperto che è fidanzato con quella gran figa di Anya. Che poi è il personaggio che uso quando gioco.
    Sarà il caso che mi faccia curare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi intrometto tra voi videogiochi-addicted per dire solo una cosa... dopo questa tua frase:

      >> Dio come adoravo sentirlo comandare i soldati

      ...anche senza avere la minima idea di che parli, giuro che posso capirti! :D

      PS. Ma 'sto Marcus Fenix... è una MONTAGNA!!!

      Elimina
    2. E' enorme....
      E come dice Inga in Frankenstein junior "allora avrà anche un enorme Schwanzstück".
      ahahahhahahahahha

      E' grosso, muscoloso, truce, severo, spietato, gira armato di motosega con la quale fa a pezzi i nemici e tutti gli ubbidiscono perchè è un vero leader. Poi, inaspettatamente, ha anche qualche rarissimo momento di tenerezza...

      Mi hai fatto tornare la fotta di giocare...

      Elimina

    3. >> Mi hai fatto tornare la fotta di giocare...

      Ahahah... eh no, non dare la colpa a me: è come l'alcolismo, ne basta un pochettino per ricaderci...

      >> allora avrà anche un enorme Schwanzstück

      Non so perché, ma di minuto in minuto questo tizio mi sembra sempre più affascinante... ;)

      Elimina
  7. ahaha, il post è stupendo, e la leggivora mi ha fatto venire voglia di giocare a un videogioco e io non gioco ai videogiochi... la gente che ti segue è deleteria Nina. già cosi' non sto dietro alle cose... aggiungiamoci pure altra roba che vorrei fare...

    P.S. anche a me andava il fumo negli occhi quando ci provavo con la sigaretta, non sei l'unica. :)

    RispondiElimina
    Risposte

    1. >> la leggivora mi ha fatto venire voglia di giocare a un videogioco

      L'enorme Schwanzstück ha, in effetti, il suo perché.

      >> anche a me andava il fumo negli occhi quando ci provavo con la sigaretta

      Ma secondo me capita a tutti! Dai, i poliziotti con la sigaretta all'angolo della bocca, quelli veri intendo, se ci fai caso tengono socchiuso l'occhio sopra la sigaretta: sigaretta angolo sinistro = occhi sinistro socchiuso e stessa cosa se al lato destro. Insomma, Manu... forse non siamo così goffe... non lo siamo vero? O mi sto solo illudendo? :D

      Elimina
    2. Quando l'autostrada arriva in cima al Colle del Turchino, ci sono due cose che tolgono il fiato: l'apparizione del mare antistante Genova-Voltri e il profilo del viadotto che curva sospeso sulla profonda valle battuta dal vento. Il cuore sale in gola e rimbomba nelle orecchie tappate dall'altezza. E allora - per una come me che è cresciuta tra le risaie e l'aria pesante della pianura - viene naturale alzare il piede dall'acceleratore, curvare nella corsia di lato e fermare nel piazzale del piccolo Autogrill (che qualche anima buona ha deciso di costruire subito prima dell'imbocco del viadotto). Quella sera il sole non si decideva a tramontare e, invece di scendere dalla macchina per avviarmi con passi incerti verso la porta del bar, rimasi seduta a guardare la ragazza in jeans e giubbotto, seduta sul bordo del marciapiede, con le gambe protese in avanti e le suole degli stivali che quasi toccavano la ruota anteriore della sua moto (una Ducati Monster nera). Le sue dita si muovevano veloci tra un pacchetto di trinciato Pueblo appoggiato sulle cosce e una cartina piegata per lungo tra il pollice e l'indice. Con pochi gesti alternati, i polpastrelli rollarono la sigaretta in un cilindro lungo e sottile e la punta della lingua inumidì il lembo di cartina che ancora rimaneva da arrotolare. Richiuso il pacchetto del tabacco, la ragazza se lo infilò nella tasca del giubbotto e dalla stessa tasca tirò fuori lo Zippo. La fiamma alta, insidiata dal vento, illuminò il viso della ragazza e accese una punta di arancione sulla sigaretta che le labbra protese stringevano a un angolo della bocca. E il mio cuore mancò un colpo ...

      luce allievi

      Elimina

    3. Ahahah... Luce, stai facendo kontrokultura? ;)

      >> la punta della lingua inumidì il lembo di cartina che ancora rimaneva da arrotolare

      Il fascino della sigaretta... però nel mio immaginario quelle rollate non sono fighe uguali, per quanto la tua descrizione sia erotica anzichenò. (Tra l'altro io non sono mai riuscita a rollare una sigaretta, neppure - con mia massima vergogna - usando il macchinetto apposito :D )

      Bello. Sarebbe l'incipit di un qualcosa che stai scrivendo?

      Elimina
    4. No, no! E' soltanto un'immagine che mi è rimasta impressa in una ventosa serata di alcune estati fa. Tra l'altro, adesso che la rileggo, capisco perchè continuano a ripetermi che non bisogna scrivere e pubblicare in diretta ma aspettare che la prima stesura decanti per un po' ...

      Anch'io non ho mai imparato a rollare. Con la macchinetta però me la cavo abbastanza bene e, dopo che ho cominciato a fumare sigarette artigianali, non sono più riuscita a tornare a quelle industriali. Il gusto del tabacco fresco è troooppo buono!

      In ogni caso la mia non è kontrokultura ma cultura alternativa ...

      Elimina

    5. >> aspettare che la prima stesura decanti per un po'

      A me piace come l'hai scritta...

      >> In ogni caso la mia non è kontrokultura ma cultura alternativa ...

      Pensavo fosse la stessa cosa... ok, non parlo più :D

      Elimina
    6. Cioè, anche se i gay li trovo un po' urticanti, riesco comunque a essere loro amica e non mi dispiace che rientrino nei tuoi interessi/progetti letterari.
      Mi dispiace invece che molte autrici di talento (tra le quali tu) non abbiano mai sfruttato le potenzialità narrative del lesbismo latente in moltissimi personaggi di moltissimi romance.
      Più in generale, credo che questa sia la prossima frontiera delle lettrici italiane. In pochissimi anni, nonostante la reputazione di lettrici tradizionaliste e un po' bigotte, sono riuscite ad accettare i romance erotici e perfino gli M/M, mentre si sentono ancora imbarazzate e inibite (e forse intimorite) davanti a un amore o anche soltanto un turbamento lesbico.

      luce allievi

      Elimina

    7. Ma infatti, non si può mai dire. Non avrei mai letto M/M se non avessi avuto motivi di "ricerca" dietro queste letture. Eppure mi sono piaciuti molto, e che la cosa mi abbia sorpreso è, con il senno di poi, assurda. Perché in fondo la narrativa, gira gira, ruota tutta sul raggiungimento di un obiettivo, e tanto è più interessante il libro, quanto più l'obiettivo è difficile da raggiungere. Per questo credo che la tematica gay/lesbica abbia narrativamente parlando moltissime possibilità: un amore etero, oggi come oggi, ha meno ostacoli da superare di quello a tematica omosessuale. Per quanto uno possa sentirsi libero, la società e i suoi pregiudizi non possono non essere recepite, anche solo per la rabbia che provocano, insomma, le possibilità di sviluppo per una trama sono innumerevoli.

      Elimina
    8. >> in fondo la narrativa ruota tutta sul raggiungimento di un obiettivo, e tanto è più interessante il libro, quanto più l'obiettivo è difficile da raggiungere

      Già, questa è una delle "regole" del romance.
      Tuttavia, come dici, gli "ostacoli da superare" non sono tanto nella storia quanto nella testa di chi legge.
      E sono ostacoli innalzati da una cultura, una società, una politica, eccetera. Quindi sono rapportati più al tempo ("oggi come oggi") e al luogo di chi legge che non al tempo/luogo della storia. E sono tanto più "interessanti" quanto più si avvicinano a tematiche "scottanti".
      In altre parole, gli "ostacoli da superare" sono riconducibili ai turbamenti/conflitti che chi legge riconosce e interiorizza nel momento in cui legge la storia. Per esempio, nel caso di una donna che legga un romance:
      - l'indipendenza della donna in una società patriarcale
      - l'apertura mentale della donna in una società reazionaria
      - la tolleranza della donna in una società integralista
      - il ruolo/identità della donna in una società conservatrice
      - l'individualità della donna in una società conformista
      - la sessualità della donna in una società maschilista/ipocrita
      - le pulsioni inconfessabili della donna in una società omofoba.

      luce allievi

      Elimina
  8. Accidenti, vuoi vedere che Asami si è materializzato
    da Nina? In caso mi dici come hai fatto che ho un paio
    di personaggi immaginari per la testa :-))
    Skyla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nuuuu, niente Asami, damn it! Solo tante cose barbose da fare e troppo poco tempo per farle...

      Elimina