giovedì 22 maggio 2014

Adoro quando succede


Che bello quando un romanzo ti prende davvero e ricordi perché la lettura è superiore a ogni altro media per trasmettere emozioni. Dopo un paio di libri meh ("Ai confini della realtà" di Rod Serling – fantascienza un po' datata – e "Zia Antonia sapeva di menta" di Andrea Vitali – caricaturale ma tutto sommato gradevole) imbattermi in questo "Un po' santi e un po' peccatori" è stato come bere il primo sorso di Erdinger in una giornata assolata. Ne sentivo proprio il bisogno! Scoperto grazie all'impagabile Amarilli che ne ha parlato qui, è un M/M con una storia trascinante e dolce. Non l'ho ancora terminato, ma sono così entusiasta che volevo condiverlo subito con voi...

Trama: Levi Binder è un barista di Miami al quale interessano solo due cose: il sesso e il surf. Ostracizzato per la sua omosessualità dalla sua famiglia di fede mormone, Levi è determinato a vivere la vita a modo suo, ma tutto cambia quando incontra il massaggiatore Jaime Marshall. Jaime è abituato a stare da solo. Ossessionato dagli orrori del suo passato, ha come unico amico un cane: la fedele Dolly. E non ha idea di come gestire un uomo splendido e vivace come Levi. Completamente agli antipodi in superficie, sia Levi che Jaime desiderano qualcosa che possono trovare solo stando insieme. Attraverso l’amore e il potere terapeutico del tocco delle mani, troveranno un modo per guarirsi l’un l’altro e impareranno a vivere come peccatori in una famiglia di santi.

Beh, che altro aggiungere? Solo consigliarvi di leggerlo il prima possibile, of course, perché a) ne vale la pena; b) ne potremo parlare insieme! Da parte mia, non vedo l'ora sia stasera per terminarlo, e adoro quando succede.

23 commenti:

  1. "Impagabile" mi piace - ne sono onorata :) - e se non altro, non ho consigliato male!

    RispondiElimina
  2. Hai consigliato benissimo! Considera che sono pochissimi i miei libri a 5 stelline, e questo ci finisce di filato :D

    RispondiElimina
  3. addirittura 5 stelline? enno! enno, enno, enno! proprio ora che mi sono auto-imposta il non-acquisto? a proposito, è una settimana e l'ultimo comprato è ancora Romanzo Rosa, sto facendo enormi progressi, ma la wishlist si allunga. ;)

    RispondiElimina
  4. @Manu. Guarda, "Romanzo Rosa" fa ridere, ma questo prende il cuore... te lo consiglio mille volte!

    RispondiElimina
  5. ma Nina, io a livello teorico devo arrivare al 15 novembre senza comprare... sono fiera della mia settimanina, come faccio? :S
    poi gli hai dato 5 stelline... cioè davvero particolare...
    pero' sei una bambina cattiva! monella Nina! (oddio comincio a parlare agli adulti come faccio coi bimbi... ho sempre odiato chi lo faceva... :S)
    sei una tentatrice per una che ha una dipendenza, sei alla stregua dello spacciatore che sventola la dose della roba piu' buona ad una che è appena una settimana che ne è fuori! riflettici stasera quando avrai finito questo libro!
    poi per parlarne, dovrei prenderlo e leggerlo subito, e come farei con la serie della Feehan, e i libri degli autori BJ e tutti i self che ho promesso di leggere e non tra vent'anni? cattiva Nina! ☺☻♥♦♣♠•◘○

    per Boksic, non c'è bisogno Nina, te lo mando via mail in word e non è affatto lungo, una decina di pagine.
    si legge in un attimo. tra l'altro l'incipit di Surviving Sarajevo riprende l'incipit di questo racconto. :)

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Eh???
      15 novembre????????
      Ma dico... ma... ma??????

      *guarda nel vuoto e balbetta per trenta minuti*

      Ma MANU! Non puoi rimanere senza questo libro fino al 15 novembre! Credo che esista anche una legge che lo vieti, o se non c'è dovrebberlo farla!

      Se tu non lo avessi già comprato e la scelta fosse tra Romanzo Rosa e questo, direi questo, senza dubbio, e - qui Ludo mi ammazza, ma io lo penso, shame on me - anche l'avvocato Malinconico di De Silva perderebbe la sfida...

      Manu... è bello bello questo libro ♥
      Anche se è un po' caro, lo ammetto, per un'edizione digitale... inoltre mi sa che su carta non c'è ed è un peccato perché io l'avrei preso volentieri per la mia libreria "old-fashioned" :(

      Elimina
    2. Manu Bookaholic :-))
      Tiè che ti ho trovato il titolo del prossimo romanzo!
      Sono dieci euro grazie...
      Skyla

      Elimina
    3. Skyla, Manu Bookaholic è bellissimo, lo usero' per la mia autobiografia quando avro' ottant'anni.
      a quel punto ti daro' dieci euro, va bene? :P

      Elimina
    4. Ma certo che sì... aspetta tu hai 79 anni vero? Vero? ^_^
      Skyla

      Elimina
  6. ma-
    io-
    perché-

    ...
    sto per ricaricare la carta. :((((((((

    hai una persona sulla coscienza, sappilo! ☺☻♥♦♣♠•◘c○○
    inoltre devo riazzerare il count-down cosi'!
    pero' 6 mesi sono troppi, non sono credibili.

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Secondo me vale la pena, poi mi dirai, ma sono abbastanza sicura che ti piacerà!
      Anzi lo amerai!
      Alla follia!
      Come me!
      (Ok, ora esco dalla modalità bimbominkia-fangirl...)

      >> pero' 6 mesi sono troppi, non sono credibili

      Ma infatti, dovresti fare come quegli avvocati americani che dividono le giornate in blocchi da sei minuti. Tipo: non ho comprato niente per sei minuti, grande, obiettivo raggiunto!

      Elimina
    2. Ps. Ahahah, tutti quei segnettini grafici nel tuo commento... ma il cuoricino ♥ rimane il migliore :D
      PS2. A proposito di cuoricini, Boksic sarà mio.

      Elimina
    3. Finito!
      Molto bello... avrei tante cose da dire, ma cerchero' di essere breve (ahah).

      per me sarebbe in verità un quattro stelline e mezzo a pelle, e ci riflettevo in questi giorni sul perché non il massimo-massimo... e sai una cosa? credo che sia solo ed esclusivamente perché non riesco piu' a leggere di seguito.
      cioè quando hai poco tempo per leggere e accosti un momento drammatico, per esempio, se poi ti alzi per fare quattro cose e riprendi a leggere il giorno dopo, un po' perde in emozione/pathos e non per colpa del romanzo.
      detto questo, il passato di Jaime mi ha turbato in maniera del tutto nuova.
      ma davvero stavo un po' in ansia...
      non è la prima volta che leggo di abusi, ma è la prima volta da mamma e devo dire che è disturbante.
      ma disturbante parecchio.
      ho quasi pianto quando racconta dal POV di Jaime quella cosa.
      Levi mi è piaciuto e tutta la sua situazione famigliare mi ha fatto pensare: ma quante ne devono passare i gay?
      ci pensi?
      pero' devo dire che tra i due, quello che mi ha sconvolto le budella è stato Jaime... :S

      in generale trovo che sia scritto con una delicatezza allucinante, e cio' che trattava non era affatto facile da trattare.
      anche le scene di sesso, seppur esplicite e ben dettagliate, non so, mi davano un'impressione di tenerezza, romanticismo... mi sono piaciute ed erano dosate come piace a me, ovvero presenti, ma non per tutto il tempo, e soprattutto "funzionali" alla storia.

      Elimina

    4. Mi fa piacere che ti sia piaciuto... io l'ho già riletto :D
      La prima parte, quello dell'avvicinamento graduale tra i due, è la mia preferita!

      >> ma quante ne devono passare i gay? ci pensi?

      Sì, ci pensavo in questi giorni... e sai che io credo che sia uno dei motivi per cui gli M/M piacciono tanto? Il fatto è che nei libri etero di solito i protagonisti sono problematici, ma con molte esagerazioni e forzature... nel mondo gay, invece, con le difficoltà ad accettarsi, il conflitto con sé stessi e/o con la società, la problematicità è molto più credibile.

      >> detto questo, il passato di Jaime mi ha turbato in maniera del tutto nuova

      Io, più che gli abusi in sé - ai quali cercavo di non pensare e non visualizzare - sono stata toccata dal modo in cui vive nel presente. In solitudine, circondato da riti rassicuranti. E quando Levi riesce a "forzare" la sua solitudine, invitandolo al suo compleanno, convincendolo a uscire, mi sono sentita togliere un gran peso dalle spalle :')

      Elimina
    5. mi piacerebbe rileggerlo un giorno (nell'Altra Dimensione) tutto di fila o quasi, sai, massimo due giorni / due serate.
      anche a me è piaciuta moltissimo tutta la prima parte, il loro avvicinamento lento (che poi è sempre quello che mi piace di più) e sì, io devo dire che tutti i pezzi di Jaime, sia passato che presente, mi facevano stare col groppo in gola. non so, un'emozione in gola assurda.
      non che Levi non sia piaciuto eh? anche i pezzi suoi con la sua famiglia sono molto coinvolgenti ed emozionanti in un altro senso, più tipo rabbia però.
      insomma è un libro che ti tocca, in più modi diversi tra loro.
      ed è scritto molto bene.
      ho in casa un altro libro di lei, preso un sacco di tempo fa (in inglese) quando ero in fase M/M dopo aver letto lo stupendo Rough Canvas.
      mi è subito venuta voglia di leggerlo, ma ho altro da leggere in fila da mesi. :(
      perché non posso lasciare il lavoro e leggere solo?

      concordo con quanto dici degli M/M in generale.

      vorrei leggere a breve anche Romanzo Rosa, visto che sei fresca di lettura, così commento a caldo, ma prima finisco le altre.

      P.S. ma la scena in cui Levi si fa Jory nel ripostiglio? mi stava andando a fuoco il kindle! :)

      Elimina

    6. >> più tipo rabbia però

      Sì, anche io ho difficoltà con i patemi religiosi, in generale, anche se, dal loro punto di vista, si trattava di salvare l'anima di Levi...

      >> vorrei leggere a breve anche Romanzo Rosa

      Se senti il bisogno di ridere te lo consiglio! Ma, a dispetto del titolo, il romanticismo è pari a zero.

      >> ma la scena in cui Levi si fa Jory nel ripostiglio?

      Ma sai che ci pensavo... mi spieghi perché esiste una legge inversamente proporzionale, per cui più aumenta il romanticismo meno sale l'eccitazione? No, perché non vorrei sembrare troppo terra terra, ma quando si mettono di mezzo tutti quei "ti amo" un po' il calore scema, ci hai fatto caso?
      Ora ripensavo alle scene erotiche che mi sono piaciute di più e sono sempre, o quasi, più vicine al "fare sesso" che al "fare l'amore"...
      ...


      Elimina
    7. in verità non ci avevo fatto caso, ma ora che me lo dici...
      è vero!
      non saprei... perché siamo piu' vicini alla parte istintiva?

      una cosa su cui avevo già fatto caso, invece, è che nelle storie romantiche generalmente mi piacciono quasi di piu' i momenti in cui i due non sono insieme... ahahah
      doh!

      Elimina

    8. >> nelle storie romantiche generalmente mi piacciono quasi di piu' i momenti in cui i due non sono insieme

      Ahahah... per me possono anche essere insieme, nella stessa scena voglio dire, basta che litighino perché se cominciano a sdilinquirsi... si salvi chi può.

      PS. Che poi non è del tutto vero perché i momenti teneri in "Un po' santi ecc..." mi sono piaciuti moltissimo ^^

      Elimina
    9. No, non voglio dire "non insieme" nel senso "non nella stessa scena", intendevo "non insieme" nel senso di "prima di mettersi insieme ufficialmente", poi possono essere sempre nella stessa scena, ma quando sono poi fidanzati o sposati o insieme ufficialmente, o c'è un conflitto serio che è quasi come se non fossero insieme o per me è praticamente finito...

      Elimina

    10. Ahahaha! Avevo capito fischi per lanterne! O quello che è :D
      In effetti mi chiedevo: ma se non apprezza le scene in cui i protagonisti sono insieme, quali scene apprezza? Nei romance "lui" e "lei" stanno sempre insieme...
      Ero molto perplessa e mi grattavo il mento...
      E ora capisco che, come al solito, sono sveglia come un tonno!

      PS. Sai che quella cosa del conflitto che dici, credo che sia anche il motivo per cui le scene di sesso troppo romantiche mi annoiano a morte? Del resto è anche alla base di un buon dialogo, lo "scontro"... verbale, in quel caso, ma più o meno... non so! Forse?

      Elimina
  7. Già letto. Davvero una bella storia e soprattutto belle caratterizzazioni psicologiche.

    RispondiElimina