domenica 24 novembre 2013

Aggiornamento Dark Project


Piccolo aggiornamento Dark Project. Come va?

Beh, prima di tutto, il progettino m'è scoppiato tra le mani. Insomma, ora è un blob di 49 capitoli, in continua espansione – e io che pensavo di cavarmela con una ventina!

Il blob

Di questi quarantanove capitoli, quaranta sono al momento contrassegnati da un'ottimistica etichetta che recita: "OK". In realtà, mancano descrizioni e approfondimenti storici, ma è una versione di base già sensata e sviluppata, da rimpolpare e le cui linee guida sono tracciate. Non è ancora la prima stesura ufficiale, ma il grosso è fatto.

Poi ci sono i restanti nove capitoli (che temo diventeranno di più, visto che qui tutti i personaggi vogliono dire la loro). In pratica sono da sviluppare partendo da un'accozzaglia di appunti, frasi che i personaggi si scambiano a cui manca tutto il contesto, e altra roba bella così. Insomma, nell'ipotesi migliore sono parole scritte a caso su una pagina bianca, nell'ipotesi peggiore ho solo il titolo e un foglio vuoto.

Come forse avrete capito... il Dark Project mi sta prendendo moltissimo ^^

E mi sono accorta, scrivendo, che alcune parti mi ricordavano qualcosa. Pensa che ti ripensa, ci sono arrivata: il protagonista ha moltissime cose in comune con Heathcliff! Quindi, promemoria per me: rileggere "Cime tempestose" tra la prima stesura e la seconda. E visto che un personaggio secondario mi ricorda la Sugar de "Il petalo cremisi e il bianco", rileggerò anche quello.

Heathcliff rulez!

Che musica metto, tra un capitolo e l'altro? Devo dire che mi accontento di ascoltare la radio. Non ho tempo per sperimentare generi nuovi e inoltre passano un sacco di bellissime canzoni ultimamente, l'avete notato? Tre, in particolare, mi hanno fatto capire che stare sempre a rimpiangere gli anni '90 non è poi così fico. Ad esempio l'ultimo singolo di Robbie Williams non è male; avevo dato per spacciato questo cantante, le sue ultime canzoni erano ai limiti dell'irritante, e ora se ne esce con una canzone come Go Gentle! E che dire di James Blunt e la sua Bonfire Heart?

Ma la prima nella mia classifica personale, è questa dei Passenger, "Let Her Go", che semplicemente adoro. Molto dolce, lo so, eppure, che ci crediate o no, a modo suo è adatta al Dark Project.



35 commenti:

  1. Guarda quando hai scritto Heathcliff mi è preso un colpo!
    Per me Christopher era il prototipo di Heathcliff e basta :-)
    Il petalo cremisi e il bianco l'ho già adocchiato in libreria almeno
    cento volte ma è spaventoso come lunghezza... e la pigritudine
    incombe! Quindi non ti so dire niente di intelligente sul paragone.
    Che bello però sentire un'autrice così bella carica!
    Quello che mi stupisce è lo stile disordinato... lungi da me fare la
    scaletta, ma a scrivere quattro linee di dialogo e poi abbandonare io morirei
    Skyla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, sì, luciferinamente parlando, Chris è un Heathcliff sputato :D
      Qui la similitudine è secondo me in alcuni passaggi della trama, similitudine che probabilmente nessun altro coglierà, ma a me viene spontaneo fare collegamenti tra personaggi, tipo Miss Marple ^^
      Ah, per gli appunti, il fatto è che mentre guido mi vengono in mente queste scene, questi dialoghi, e se non li scrivo subito "poi spariscono/e non ritornano più..."...

      Elimina
  2. Poi non c'entra niente ma sotto ai tuoi post ci sono tre terribili caselline
    per postare la reazione... solo che sono "scarso" "non ci siamo" "guarda giusto perché
    sei te"... il che mi fa scompisciare perché non ce n'è una sola di positiva.
    E' un voluto espediente masochistico? :-)
    Bon, adesso comincio davvero a entrare nello spirito del lunedì!
    Skyla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensavo che mai nessuno al mondo potesse avere una reazione positiva... :D
      E la cosa abbastanza consolante è che, in effetti, non li cliccate mai, quei bottoni... <3
      Allora mi toccherà metterne uno che recita: "Dai, non c'è male"...

      Elimina
  3. Sugar *__* Cioè, Sugar! La amo, ecco. E Faber è uno stramaledetto genio >__< (l'hai visto lo sceneggiato della bbc sul Petalo? Molto carino!)
    Un personaggio alla Heatcliff lo vedo molto nelle tue corde, anzi, mi sto chiedendo come hai potuto non inventarlo tu, Heatcliff!XD

    >Ah, per gli appunti, il fatto è che mentre guido mi vengono in mente queste scene, questi dialoghi, e se non li scrivo subito "poi spariscono/e non ritornano più..."...

    A me succede l'esatto contrario: se scrivo subito una scena, poi perdo completamente interesse per quel momento. Ci sono scene e dialoghi che mi rigiro nella mente per mesi e mesi prima di buttarli giù. E solo, rigorosamente, quando è il loro momento^^

    Comunque, molto felice della tua ispirazione... e in trepidazioneXD
    PS con la Hoover poi è andata a finire malissimo... ho rimpianto di non avere un cartaceo da lanciare dalla finestraXDD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sapevo dello sceneggiato bbc! Ma è tanto, tanto triste... ce la farà il mio povero cuoricino? :'(

      Per la Hoover: incuriosita dalla tua stroncatura ho letto una recensione su aNobii che mi ha indignato. Prima consideravo la Hoover solo una che buttava dentro un po' di tragedia per far cassa, dando alle morti lo stesso peso di un brufolo sulla fronte al sabato sera, ma ora mi ripugna anche un po'.

      *** SPOILER SU "LE COINCIDENZE DELL'AMORE DI COLLEEN HOOVER" ***

      Rigorosamente senza averlo letto, eh. Mi baso sulla recensione di Sery-amente su aNobii.
      Ma aanto cielo, le ragazze dicono che la Hoover parla di temi forti con tatto ed eleganza, ma come si fa a parlare con tatto ed eleganza di pedofilia? Questo è edulcorare un problema gravissimo, toglierne importanza, e chi lo fa in modo serio (penso a Stephen King) gli dà il giusto peso, ad esempio ne "Il gioco di Gerald" un abuso infantile porta la protagonista ad "ammazzare" il marito trent'anni dopo!
      Scusa lo sfogo ma sono rimasta sconvolta, sempre di più, da 'sta tipa.

      Elimina
    2. Allora... *grande sospiro*

      *** SPOILER SU "LE COINCIDENZE DELL'AMORE DI COLLEEN HOOVER" ***

      Non ho letto la recensione in questione, però ne ho lette tante che parlavano del libro in termini davvero entusiastici.
      Io l'ho trovato disgustoso. Disgustoso. Tre terzi del libro sono tutto un 'mi ami? ma quanto mi ami?', con intermezzi di tipo dieci o quindici pagine consecutive che consistono in descrizioni dettagliatissime su come i protagonisti si baciano, si toccano, si rotolano tra le lenzuola. E vabbè, saltate in blocco, perché non puoi usare più di tre pagine per descrivere un bacio senza farmi cascare la fronte sul libro per la noia. Poi, dopo la metà diventa una storia oscena di abusi, pedofili, rapimenti e suicidi. Oscena, e sai perché? Perché, nonostante tutto (ovvero, nonostante la protagonista scopra di essere stata ripetutamente violentata dal padre quando aveva tre anni e, successivamente, il padre pedofilo si suicidi davanti ai suoi occhi e lei venga ricoperta di sangue e materia cerebrale) finisce tutto a tarallucci e vino. Perché l'importante è che il fighissimo (e decisamente improbabile) vicino di casa la ami. Tatto ed eleganza? Mah. L'impressione che mi ha dato questa autrice è quella di qualcuno che si diverte un po' troppo sulla pelle degli altri, perché queste cose orribili succedono davvero, e dubito che qualcuno, dopo una simile tragedia, possa uscirne con il sorriso sulle labbra. Il lieto fine, insomma, ci sta bene come i cavoli a merenda. Ma del resto, la protagonista affronta i traumi della vita facendo sesso, della serie: ho appena scoperto che mio padre mi violentava quand'ero bambina? Facciamo l'amore perché così mi levo di dosso questo ricordo disgustoso. Seguono venti pagine di descrizione minuziosissima. Noia, disgusto ed esasperazione.

      Elimina

    3. *** SPOILER SU "Le coincidenze dell'amore" ***

      Che poi, se vieni violentata a tre anni, muori per lesioni interne, nessuno l'ha detto alla Hoover?
      No, davvero, se capiti su aNobii leggi la recensione della povera e scioccata Sery-amente... era sconvolta da cotanta superficialità. E il cotanta ci sta tutto, perché a volte accusano di cattiveria chi è esplicito e non permette scappatoie alle tragedie... ma cazzo... è questa la vera cattiveria, secondo me!
      Banalizzare il dolore per far cassa! Eh, ma cosa vuoi che sia la pedofilia... basta trovare un figo che venga a letto con te e tutto passa, no?
      Dio, mi sale il nazismo quando penso alla Hoover...

      Elimina
    4. >Eh, ma cosa vuoi che sia la pedofilia... basta trovare un figo che venga a letto con te e tutto passa, no?

      Non avrei saputo dirlo meglio. Comunque ho scoperto che condividere il rancore aiuta a uscirneXDDD

      Elimina
    5. Adesso, poi, mi sta succedendo un po' la stessa cosa con 'Il richiamo del cuculo', di tale Galbraith, pseudonimo della ben più nota Rowling. E' un giallo, e per carità, è scritto anche bene... ma è infarcito di stereotipi e di una lentezza esasperante... Anche qui, però, fiumi di recensioni entusiastiche (quando poi, se non si fosse saputo che c'era la Rowling dietro, non se lo sarebbe filato nessuno!) E intanto io mi chiedo: ma questa è veramente la geniale scrittrice di HP? Mah!

      Elimina

    6. Non leggerò l'ultimo della Rowling, perché ne ho avuto abbastanza del suo pessimismo cosmico e dei suoi personaggi tutti cattivi, tutti squallidi, così come li ha descritti nel "Il seggio vacante"... ne avevo scritto un commento al volo qui:
      http://ninapennacchi.blogspot.com/2013/05/david-copperfield.html?showComment=1368347635708#c7121104376469030040

      Quindi mi confermi che la Rowling ha preso la china "Falli-essere-tutti-un-po'-squallidi-e-ti-considereranno-una-Profonda-e-Grande-Scrittrice"?

      Elimina
    7. Non ho letto Il seggio vacante, ne Il richiamo del cuculo, più che di squallore, si tratta proprio di stereotipi, che da una scrittrice che mi ha tirato fuori tutto il meraviglioso mondo di Hogwart non mi sarei mai aspettata: il detective burbero ma buono (apparentemente insignificante ma sgamatissimo), la giovane segretaria intelligente e in gamba, la modella famosa brutalmente assassinata e l'assassino, che appare chiaro più o meno fin dall'inizio... e tutto questo si trascina per lunghe e lunghe pagine di... nulla. Boh.

      Elimina

    8. >> il detective burbero ma buono

      È un buon inizio!!! So che sembra ironico, ma non lo è: ne "Il seggio vacante" erano tutti... abbruttiti :'(
      Ho dovuto abbandonarlo perché ho subito sgamato che l'unico personaggio che mi piaceva sarebbe finito male (come in effetti è successo, sono andata a sbirciare le ultime pagine prima di gettare la spugna).
      Almeno ora la Rowling è tornata a scrivere di gente con un minimo di... cuore, anche se stereotipato! Magari di questo passo tornerà ai personaggi sfaccettati e umani di Harry Potter?...
      ...
      ...
      No, eh?...

      Elimina
  4. Heathcliff?!? No, dico Heathcliff?!?
    Beh, immagino saprai che dopo quest'informazione sto scalpitando. io semplicemente AMO Heathcliff e Cime tempestose...
    L'ho letto la prima volta a 17 anni, e non mi era piaciuto. Poi l'ho ri-letto a trent'anni (quindi poco tempo fa), in un periodo di ossessione per classici inglese e... WOW, semplicemente wow...
    bellissimo. lì ho capito perché è diventato un classico.
    e la bronte, che francamente aveva una vita da praticamente reclusa (era la meno socievole delle sorelle bronte, passava il suo tempo con un mastino cattivissimo a camminare per la brughiera), mi ha lasciato così, a bocca aperta, perché mi chiedo come abbia fatto a ritrarre gli animi umani così bene e fedelmente con una vita come la sua.
    e poi creare un personaggio come Heathcliff...
    scusa, non faccio neanche senso, ma mi capita così quando sono troppo esaltata.
    infatti, tanto per far quadrare il cerchio, io ho amato Christopher alla follia... ahaha
    ah, l'ultima cosa su cime tempestose poi la smetto giuro, il dialogo di Cathrine quando parla di heathcliff e lindon con la governante? che poi heathcliff ne ascolta di nascosto solo un pezzo (il pezzo sbagliato), te lo ricordi?
    mi sono commossa durante la rilettura, e da quel giorno sostengo che cime tempestose non sia un libro per adolescenti, perché io ne ho fatto due letture in due momenti completamente diversi della mia vita e ne ho avuto due effetti completamente diversi.
    e adesso mi è venuta un'estrema voglia di rileggere per l'ennesima volta quel pezzo...
    forse ce la faccio anche prima che si svegli il piccolo...

    invece il petalo cremisi non l'ho mai letto, ma me lo procurerò. ora sto leggendo l'assistente ideale.
    a scrivere, anche io faccio come te, se non butto giù subito non mi viene più nello stesso modo, magari riesco a ricreare la scena e il succo del discorso, ma le battute perfette come la prima volta no.

    manu

    p.s. la canzone che hai messo è meravigliosa!! invece James blunt mi sta sulle palle, con quella vocina del cavolo... ma magari la provo se dici che è bella...

    RispondiElimina
    Risposte

    1. >> la canzone che hai messo è meravigliosa!! invece James blunt mi sta sulle palle, con quella vocina del cavolo... ma magari la provo se dici che è bella...

      Ahahah, le vocine :)
      No, è carina, ascoltala poi mi dici!

      >> Heathcliff?!? No, dico Heathcliff?!? Deh, immagino saprai che dopo quest'informazione sto scalpitando. io semplicemente AMO Heathcliff e Cime tempestose...
      Sì, però non vorrei darti troppe aspettative, forse le somiglianze le vedrò solo io ^^ Diciamo che alcuni aspetti ci sono, ma il "mio" Heathcliff sarà un po' più... un po' meno... cioè, hai capito, no?... ;)
      Io Cime tempestose l'ho scoperto a diciannove anni, e per tipo un mese o forse due ho letto solo quello, letto, riletto, riletto ancora. È parecchio che non lo rileggo, quando tutti i capitoli del Dark Project saranno etichettati a "OK" mi ci tufferò, è ora!
      Amo il...
      *** ATTENZIONE SPOILER SU “CIME TEMPESTOSE” ***
      ...piccolo "lieto fine" tra Cathy e Hareton alla fine, amo quando Heathcliff dice a Catherine sul letto di morte che non la perdona, ah, che gran libro...
      Il dialogo di Catherine e la governante è uno dei più belli della storia della letteratura, romantica e non!

      Elimina
    2. *** ATTENZIONE SPOILER SU “CIME TEMPESTOSE” ***
      ...piccolo "lieto fine" tra Cathy e Hareton alla fine, amo quando Heathcliff dice a Catherine sul letto di morte che non la perdona, ah, che gran libro...
      Il dialogo di Catherine e la governante è uno dei più belli della storia della letteratura, romantica e non!

      Ah sì, sì, sì!
      Ti quoto su tutto!
      e ora, cavolo, mi è venuta voglia di rileggerlo tutto, non solo quel pezzo, che pacco!
      ne hai visto dei film?
      io ovviamente entrata nel tunnel-cime-tempestose due anni fa ne ho cercato tutti i film e mi è piaciuto abbastanza quello con la Binoche (quella di Chocolat, hai presente?) più che altro come atmosfere e ambientazione, colori e scenografie, perché lei per quanto sia brava e in quel dialogo mi abbia commosso, è un pelino troppo dolce nella sua interpretazione di Catherine, e anche lui non me lo rende proprio cattivo e perfido, ma allo stesso tempo innamorato come lo immagino... non ricordo il nome dell'attore ma è famoso anche lui...
      comunque Christopher ha dell'Heathcliff, ma lo sento un pelino più umano di Heathcliff. con quel suo amore per Anna che rinnega ogni secondo...
      ah Christopher... e ora mi è venuta voglia di rileggere Lemonade, che pacco!
      ma io davvero, potrei passare la vita tra libri e film, film e libri, sono normale?
      in ogni caso, se questi sono i presupposti non vedo l'ora che finisci il dark project!!!

      anche io sto scrivendo un sacco in questi giorni perché mi è entrata di prepotenza una storia e per una volta ho deciso di assecondare gli istinti, anche se odio lasciare a metà quello che stavo facendo, perché ho paura poi di non arrivare a finire né l'uno né l'altro... ma devo dire che assecondando l'istinto mi sto prendendo bene e la storia mi sta prendendo sempre di più... che bello!
      felicità e gaudio per entrambe! ;*)

      manu

      Elimina

    3. Sono contentissima di sentirti così entusiasta! Go Manu go!!!
      Per quanto riguarda le trasposizioni cinematografiche di Cime tempestose, sai che non ne ho mai vista nessuna?
      Temo troppo di ritrovarmi con un Heathcliff mollaccione... non lo sopporterei!
      E per il paragone Heathcliff/Chris...

      *** SPOILER SU "Cime tempestose" ***

      ...sì, anch'io credo che Chris sia più umano. Heathcliff non ha alcuna remora: pensa quando salva al volo Hareton caduto dal primo piano; subito dopo
      alzando gli occhi scopre che era sfuggito dalle mani del fratello di Catherine e gli dispiace averlo salvato. Anzi, se nessuno l'avesse visto, l'avrebbe sbattuto lui contro il muro... ecco, una cosa del genere Chris non l'avrebbe mai fatta!
      Per Heathcliff esiste solo Catherine e che il resto del mondo vada a pure a farsi fottere. Chris non è esattamente così, lui ha una coscienza (beh, che c'è? Perché mi guardate con quella faccia perplessa?...) e a mio avviso è molto, moooolto meno "titano".

      Elimina
    4. Heatcliff è uno stronzo patentato, c'è poco da ricamarci sopraXD Però è per questo che piace così tanto alle donne...
      Per quanto mi riguarda, ho sempre preferito i tipi alla Mr. Rochester: umorali, cupi, sarcastici, ma fondamentalmente buoni e con i loro momenti <3

      Elimina

    5. Di Heathcliff mi è sempre piaciuto il suo amore *crudele* per Catherine, così onesto e viscerale, e non quel buonismo bugiardo alla "mi-basta-che-tu-sia-felice-anche-se-non-con-me"...
      Per il resto, prima hai detto che un Heathcliff avrei dovuto inventarlo io, in realtà no (a parte la scarsezza insita nella mia scrittura, dico): perché non riuscirei a scrivere di un personaggio così indifferente verso gli altri... mi piacciono i cattivi solo se si "tormentano" per il male che fanno.
      Ma Heathcliff... ops, lui non prova senso di colpa :D
      Anzi, si vanta anzichenò!

      Elimina
    6. secondo me il fascino di Heathcliff è proprio perché è disumano, e perché non ha una coscienza e perché non fa nulla per farsi amare.
      ma devo essere onesta, è un fascino puramente intellettuale, mai vorrei un Heathcliff nella vita... e più volte mi sono anche chiesta se una persona così potrebbe esistere davvero e... credo di no.
      è troppo netto, le persone (nella vita intendo) hanno più sfumature, tipo Mr. Rochester e Chris...

      Elimina

    7. ***** ATTENZIONE SPOILER SU CIME TEMPESTOSE ********

      Guarda, come ti ho detto lo lessi a diciannove anni per la prima volta e ricordo ancora lo shock quando Heathcliff molla i ceffoni a Cathy, la figlia di Catherine...
      Io non sono contraria ai maneschi, però se la devono prendere con quelli più grossi di loro; la mancanza di "onore" di Heathcliff al tempo mi lasciò sconvolta anzichenò :)
      (Ora tu dirai, ma Chris picchia Anna; vero, però lo fa in un'unica occasione e perché nella sua mente bacata pensa di non avere alternative - e oltretutto è un grandissimo stronzo, come mi ricordava una gentile lettrice su fb proprio ieri - ma non è che la picchierà ancora, poi...).
      Devo essere sincera; se non ci fosse stato il lieto fine tra Cathy e Hareton non sarebbe diventato uno dei miei libri preferiti. Io amo Hareton; quando spiega a Cathy che lui vuole bene a Heathcliff, senza ragione e logica, perché è così che funziona l'amore... (E secondo me persino Heathcliff ha degli sprazzi di umanità verso di lui, per quanto "umanità" e Heathcliff non dovrebbero MAI essere usati nella stessa frase).
      E la scena del libro tra Hareton e Cathy... ooooooooooooohhhhhhhhhhhhhhh
      <3 <3 <3 <3 <3 <3 <3 <3 <3 <3 <3 <3
      Ah, non vedo l'ora di rileggerlo :)

      Elimina
    8. a me a 17 anni aveva fatto schifo proprio del tutto...
      proprio perché lui era troppo crudele, e Catherine una stronzetta viziata.
      solo poco tempo fa ne ho colto la bellezza.
      per cui... concordo con tutto ciò che dici (i ceffoni a Cathy figlia non me li ricordavo più!!), e scena tra Hareton e Cathy meravigliosa... :)

      - (Ora tu dirai, ma Chris picchia Anna; vero, però lo fa in un'unica occasione e perché nella sua mente bacata pensa di non avere alternative - e oltretutto è un grandissimo stronzo, come mi ricordava una gentile lettrice su fb proprio ieri - ma non è che la picchierà ancora, poi...). -

      ahah, questo mi ha fatto ridere... qualcuno te l'ha ricordato? ahaha...
      cmq non mi devi spiegare la psicologia di Chris! Lo sai già! ormai ho perso il conto delle riletture di Lemonade e tra un po' si avvicina dicembre, tempo di rilettura, perché è il mese in cui l'ho letto la prima volta...
      lo faccio anche con Orgoglio e pregiudizio, il mese del quale è luglio però... ah, e anche con Lover Awakened, il di cui mese è marzo - sembro una maniaca? dimmelo quando sembro troppo maniaca, così mi controllo la prossima volta e fingo di leggere i libri una volta sola come la gente normale, e soprattutto di non fare collegamenti e ragionamenti da maniaca coi miei libri preferiti, tipo rileggerli nello stesso mese in cui li ho letti la prima volta.... ;)

      Elimina

    9. >> cmq non mi devi spiegare la psicologia di Chris!

      Lo so, mi sembra sempre di dover mettere le mani avanti, difenderlo a spada tratta, povero caro... mi sa che solo io e te tra tutte quelle che han letto "Lemonade" l'amiamo incondizionatamente :)

      >> Catherine una stronzetta viziata

      Invece a me aveva colpito il fatto che, quando il cane dei Linton la morde, lei non grida... io avrei gridato come uno di quei giocattoli per bambini, lo sai no, quelli che se li schiacci fanno "poooooo"...
      Da quel momento in poi le avevo dato la mia ammirazione incondizionata, anche se dico, mollare il torvo Heathcliff per il solare Edgar... che scelta incomprensibile :D

      Elimina
    10. Ah sì, io adoro Chris in maniera assurda... :) tra poco me lo rileggo per l'ennesima volta, quel romanzo è perfetto per me, non credo che mi stancherò mai.

      Parlando di cani mi hai fatto venire in mente un'altra scena assurda... quando la prima cosa che fa heathcliff quando prende Isabel linton è quella di impiccargli il cane... cioè...

      Ma ero tornata per dire che ho finito l'assistente ideale di Cecile Bertoldo e mi è piaciuto abbastanza. La scrittura, lo stile, il genere è proprio quello che mi piace, solo ci sono rimasta un po male perché a tratti ho avuto la sensazione che non l'avesse riletto neanche una volta prima di pubblicarlo. Ci sono molte imprecisioni che non posso fare a meno di notare è che mi disturbano un po. Per es. Festa di sera, lei dice di indossare un vestito color crema e poi dopo un paio di pagine dice che è di pizzo nero... oppure, dice che sono le due del pomeriggio, va a fare shopping, dalla estetista dal parrucchiere, poi torna a casa, si versa da bere e sono ancora le tre del pomeriggio.... e questo genere di cose capitano diverse volte nel libro... boh, penso che con una rilettura di seguito le avrebbe viste subito...
      Cmq dialoghi fantastici e una brillantezza e freschezza che trascinano dall'inizio alla fine. Alla fine quello che ho segnalato io con un po di editing si risolve.

      Elimina

    11. >> Ci sono molte imprecisioni che non posso fare a meno di notare

      Sai che io non ne avevo notata nessuna? Alla faccia della mia capacità di lettura analitica ^^
      Questo non fa che ribadire due cose: a) sono scarsa e b) sarei una pessima editor! :(

      >> quando la prima cosa che fa heathcliff quando prende Isabel linton è quella di impiccargli il cane

      Ho capito, ma lì la colpa è di Isabella, anzi se non ricordo male lui glielo impone a mo' di dimostrazione d'amore o qualcosa del genere, e lei assiste senza protestare: è in quel momento, credo, che ho deciso che qualunque cosa Heathcliff le avesse fatto le sarebbe stato bene, era insensibile e cattiva, e soprattutto poco intelligente (cosa per me ancora più imperdonabile) a non capire con chi si stava impelagando!

      Elimina
    12. Sì no, isabel linton è un'idiota chiaro... è solo che devi essere davvero cattivo anche solo per concepire l'idea... cioè a me non sarebbe mai venuta in mente come dimostrazione d'amore, ecco. .. :-P

      Elimina
  5. Il mio voleva essere un complimento^^ Heatcliff è davvero bastard inside, ma è pur sempre un grande personaggio letterario, molto amato. E milita nella schiera dei cattiviXD Però hai ragione, in lui non c'è un briciolo di compassione, né di redenzione. I tuoi uomini, alla fine, si fanno sempre il mea culpa^^ (ah, e hanno senso dell'umorismo :D )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma scherzi, sono cresciuta di tre centimetri quando l'ho letto... :D

      Elimina
    2. A conti fatti, credo che solo una persona 'estrema' come Emily potesse creare un uomo estremo come Heatcliff.
      (sapevi che il vero nome del fu Heath Ledger era, appunto, Heatcliff? Io ci sono rimasta quando l'ho scoperto...)

      Elimina

    3. Allora questa ci vuole: "Questa città merita un criminale di maggior classe. E io sono pronto a darglielo..."
      http://3.bp.blogspot.com/-9WGDxmyqiCs/T_9rfTGBDmI/AAAAAAAAAoA/UOGtq4mtscQ/s1600/Joker+Cards+Heath+Ledger.jpg

      Elimina
  6. Io AMOOO Heathcliff è stato in assoluto il mio primo amore letterario, ero un'adolescente inconsapevolmente disturbata probabilmente xD
    Adesso sono sempre disturbata, ma consapevole (e fiera) di esserlo :P

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Io me ne sto innamorando in questa rilettura (che ho cominciato perché non ce la potevo fare ad aspettare). Forse quindici anni fa ero troppo giovane per apprezzare e "comprendere" la crudeltà di Heathcliff (infatti mi innamorai di Hareton e fu per lui che lessi e rilessi il romanzo), ma ora (sarà che sto leggendo della sua infanzia) sono d'accordo con il perfido!
      Vendetta tremenda vendetta!
      :)
      PS. E poi è alto e ha le spalle larghe. Cosa che non ricordavo e che, voglio dire, è già un sufficiente motivo per amarlo ^^

      Elimina
  7. 49 capitoli? Woah, oltre a essere un dark project è anche un big project.

    In ogni caso, mi incuriosisce il tuo è un approccio. So che ci sono scrittori che cercano di distaccarsi da certi autori mentre scrivono perché non vogliono che la voce di questi si senta troppo nella propria opera. Un esempio semplice è la Balogh che ha detto di essere stata sollevata quando si accorse che, nei suoi libri, non ritrovava più palesemente la voce della Heyer (non che abbia mai scritto con lo stesso stile, ma è vero che certi suoi primi lavori la richiamano in maiera più che evidente.)

    Trovo, quindi, interessante che tu, vedendo che alcuni tuoi protagonisti ti ricordano certi personaggi, decida di rileggere i libri che li contengono.

    Il petalo cremisi e il bianco ce l'ho, ma non l'ho ancora letto. Questa è una grande mancanza a cui spero di rimediare presto.

    RispondiElimina
    Risposte

    1. >> Un esempio semplice è la Balogh che ha detto di essere stata sollevata quando si accorse che, nei suoi libri, non ritrovava più palesemente la voce della Heyer

      Ah, sì, la capisco... impossibile non "copiare" la voce di un autore particolarmente amato! Io, visto che non riesco a superare questo difetto, cerco almeno di approfittarne: così, prima della stesura finale, rileggo autori che il cui stile mi piace particolarmente. Sai come si dice: se non puoi batterli...

      >> Trovo, quindi, interessante che tu, vedendo che alcuni tuoi protagonisti ti ricordano certi personaggi, decida di rileggere i libri che li contengono.

      Più che altro, sono curiosa: le similitudini ci sono davvero o le vedo solo io? Per Cime Tempestose, che ho riletto perché mi era salito troppo il livello di bisogno, ci sono di certo :) La cosa strana è che me ne sono accorta solo a metà strada!
      Quando leggerai il Petalo? Magari lo faremo in contemporanea! Io lo lessi qualcosa come cinque o sei anni fa, uno di quei libri che non dimentichi, ma che sei restia a riprendere in mano, perché... beh, lo scoprirai!
      Splendido, comunque!

      >> 49 capitoli? Woah, oltre a essere un dark project è anche un big project.

      Sono diventati 52! Non cresceranno ancora, però; a oggi 50 sono contrassegnati come "Ok", e solo due sono ancora in fase embrional-confusionaria (conto di chiuderli in settimana). Poi, finalmente, mi prendo una pausa. Non ero partita con l'idea di metterci tutto questo tempo e il fatto che il project sia diventato così ingombrante mi ha preso alla sprovvista. Non potevo mollarlo con l'ispirazione a mille, ma d'altro canto ho sentito la mancanza della lettura in full immersion e magari di qualche serie TV, come "Ripper Street" (mia prossima fermata!).

      E tu? Sei tornata in Italia? Che bello risentirti!

      Elimina
    2. Le influenze tendono a essere inevitabili quando si è freschi di letture che colpisono credo. Capitava anche nel passato e a scrittori considerati oggi di un certo livello: Vade retro Satana di Camillo Boito, per esempio, risente moltissimo di una sentita lettura de Il fallo dell'abate Mouret di Zola (questo è un esempio un po' più nobile di quello della Balogh, ma mi piace perché ci rende concretamente più umani certi nomi)

      Sono stata assente dalla rete per un po' perché ho avuto parecchio da fare nelle ultime due settimane. Non sono tornata in Italia e rimarrò in Inghilterra fino alla vigiglia di Natale... non vedo l'ora.

      Il petalo Cremisi l'ho in patria... spero di trovare al più presto l'ispirazione per leggerlo perché mi ispira tantissimo (nonostante sappia già praticamente tutto della trama.)

      Che dire di Rippre Street? La prima serie mi è piaciuta, ma la seconda mi fa prudere le mani... non so, mi ha un po' stancata (l'ultima puntata, poi, è stata una mazzata che potevano risparmiarmi.)

      Elimina