lunedì 27 maggio 2013

Una scommessa per amore


"Collocò Cal supino al centro del letto, e lui smise di russare. Rimase a guardarlo, spalmato su un misero copriletto, in una stanza poco curata e malamente illuminata. Sembrava un dio.
«Non è giusto» gli disse. «Non potresti almeno sbavare un po'?»" 
(Jennifer Crusie, "Una scommessa per amore")

Vi svelo un segreto: ho fatto le 4:00 am per finire questo romance.
Significa che è eccezionale? No. Però è molto divertente. L'autrice scrive dialoghi frizzanti, crea personaggi simpatici, situazioni irresistibili. Ad esempio, ragazze, sapevate che non si deve mai smettere di vedere qualcuno se l'inconscio non è d'accordo? 

"«Non posso andare a prendere Min, abbiamo deciso di non...» Le dita di Cal toccarono la parete interna del tostapane, ustionandosi. Lasciò cadere il telefono. «Dannazione» disse, mettendosi le dita in bocca.
«Calvin?» lo chiamò sua madre dal telefono.
Cal raccolse il ricevitore. «Mi sono ustionato con il tostapane. Scusa.» Mise le dita sotto un getto d'acqua fredda. «Come dicevo, non ho intenzione di rivedere Minerva Dobbs.» Fece un passo indietro dal lavandino, scivolando su un oggetto duro e sbattendo il piede contro il mobile. «Ahi.» 
«Calvin?» 
«Sono scivolato su un coltello.» Si chinò per raccoglierlo, sbattendo la testa contro il bancone mentre si rialzava. «Al diavolo.» 
«Ti sei tagliato?» 
«No. Ti...» Lasciò cadere il coltello nel lavandino. «Ti chiamo domani, mamma.» 
«Calvin?» disse sua madre, ma Cal chiuse la conversazione e si fermò a ragionare.
Si stava autosabotando, non c'era altra spiegazione."

Io rido ancora :) 

Però c'è un però: non soffrirete mentre leggerete questo libro. Bene!, state pensando. Ecco... non so. Non so decidermi su questo. Si ride, si ride, ma le viscere restano fuori; non si sta male per i protagonisti, non si ha il patema per i loro alti e bassi. 
Che forse non è un difetto.
O forse sì.
Comunque.
Io ho dato quattro stelline a questo libro (****), e vi consiglio di leggerlo. Ma attenzione, non in un luogo affollato. Vi prenderebbero per pazze, perché riderete da sole tutto il tempo. E non di notte. Perché non riuscirete a metterlo giù e al mattino avrete la faccia che ho avuto io mercoledì scorso.

Non esattamente bella da vedere.

Riepilogando il mio giudizio: divertente, senza viscere.

PS: visto che la colonna sonora di questo libro è Elvis Presley, questa ce l'ascoltiamo, che dite?



20 commenti:

  1. Letto tempo fa e anch'io lo trovai divertente. Ho letto solo un altro romanzo della Crusie, Maybe this time, che mi è piaciuto molto di più: è una variazione in chiave moderna (inizio anni Novanta) a Il giro di vite incrociata con un'ambientazione da provincia sperduta americana (Ohio, per la precisione.) Proprio queste sue caratteristiche credo che lo rendano un libro difficile da pubblicare in Italia.

    RispondiElimina
  2. L'ho letto anche io tempo fa e mi era piaciuto!
    Una lettura piacevolissima e anche se non ricordo tutte le battute, con il tuo "richiamo" con la recensione, ho cominciato di nuovo a ridere!
    il momento del tostapane è spassoso! Mi sembra anche di vedere la scena!
    Saluti a presto!
    Ps. hai mica per caso letto "tempi Miglior" di Penny Vincenzi??' Non c'entra niente con questa storia, ma siccome l'ho iniziato ieri sera, ero curiosa di sapere se per caso avessi una tua opinione sul romanzo!

    RispondiElimina

  3. @Ludo. Questo me lo segno per quando tornerò a leggere in inglese. Mi è piaciuto lo stile di quest'autrice, anche perché mi è sembrato che non andasse sul semplice, ad esempio sui dialoghi mi ha dato l'impressione di non scrivere fuffa tanto per provocare una risata. Insomma, quante autrici di romance per caratterizzare un personaggio (neppure principale) lo farebbero parlare di teoria del caos? È vero, non mi ha trasmesso molto pathos, ma a livello di testa mi ha preso. Spero che il suo sia un inglese semplice perché mi andrebbe proprio di leggere "Maybe this time".

    @Allegra Viola. Nu, non letta Penny Vincenzi. Dimmi se ne vale la pena, dopo, che lo aggiungo in wishlist! (Volevo comprare il libro di Amy Levy, ma ho girato un paio di librerie e non ce l'hanno :( Mi toccherà ordinarlo su Amazon non appena metto insieme due o tre titoli!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maybe this time, però, non è un romance. Questo avrei dovuto specificarlo prima. Si tratta soprattutto di una riscrittura de Il giro di vite, in cui la Crusie fa una scelta ben precisa in modo, a un certo punto, di far prendere alla storia un'altra direzione. Era una cosa che le era venuta in mente quando insegnava letteratura all'università. Ne parla qui:

      https://www.youtube.com/watch?v=oQJNeeFsTa4

      Il libro aveva ancora il titolo provvisorio Always kiss me goodnight.

      Elimina
  4. Ma che bella recensione Nina!
    Perfino con l'estratto del libro.
    Sarà mio!! :-))
    Prima però devo scacciare i piccioni...

    Skyla

    RispondiElimina
  5. Cara Nina ,
    anche io ho letto questo libro diverso tempo fà...non ricordo tutto alla perfezione ma se non sbaglio il succo era questo:
    Lui , belloccio e fighetto scommette con gli amici che riuscirà a portarsi a letto lei ragazza comune e da cosa nasce cosa ..e piano piano il gatto divenne il topo....( questa me la sono inventata ora su due piedi )!!! volevo dire che da uno scherzo poi lui ne rimarrà coinvolto...!!
    Mi ricordo che ridevo da sola mentre lo leggevo e se non sbaglio l'ho letto al mare sulla spiaggia e ti dico anche dove a Fiascherino ( Liguria ) vicino alle cinque terre ;)!!!
    ( non ero tanto isolata ) !!!!
    La scrittrice ha pubblicato anche altri libri , li devo prendere perchè come stile mi piace allegro, brillante e scorrevole!!!
    Lui pero' in certi punti lo avrei strozzato.!!!!
    Bella recensione !!!

    RispondiElimina

  6. @Ludo. Il video lo guarderò stasera! Interessante, comunque, questa cosa che mi hai detto. Grazie mille. Anche se io—ahem!—non ho mai letto Henry James. Lo conosco di nome, ma solo perché veniva citato in un Dylan Dog, dal titolo "Inferni" (uno dei miei albi preferiti). Mi sento ogni giorno più ignorante, o zudra come diciamo qui.
    Una domanda: non importa se è romance o no, ma lo stile è ironico? O si prende molto sul serio? Ho un problema (soggettivo) con gli stili privi di ironia, mi sembrano sempre un po' paternalisti.

    @Skyla. Grazie, ma ha fatto tutto la Crusie :)
    Io mi sono limitata a riportarne qualche pezzetto. Secondo me vale la pena, se hai voglia di ridacchiare senza troppe paranoie.

    @Irene. Mi ricordo che ridevo da sola mentre lo leggevo e se non sbaglio l'ho letto al mare sulla spiaggia[..]( non ero tanto isolata )
    Grosso, grosso errore :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so che effetto abbia su chi non ha letto Il giro di vite di Henry James. Lo dico perchè, ad esempio, pare che la maggior parte della gente che ha letto La biblioteca dei libri proibiti senza aver letto il racconto di James abbia finito per non apprezzare affatto l'opera di Harding. (A me sta piacendo parecchio, per altro. Ho in programma di leggere un paio di variazioni al Giro di vite... sono tendenzialmente più 'fresche' di quelle ai romanzi di Jane Austen.)

      In ogni caso, Maybe this time è un romanzo pieno di ironia e molto scorrevole, con un carosello di personaggi che fanno sfoggio di tutte le loro stravaganze.

      Elimina
  7. @Skyla. Ma sono i piccioni dell'altra volta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah l'altra volta erano le gazze in guerra territoriale.
      Adesso sono i piccioni che si corteggiano.
      Non so perché il mio terrazzo è diventato
      centro di nidificazione famoso in tutto il mondo,
      ma li tradisce il gruu gruu caratteristico.
      Io scaccio tutti a colpi di scopa perché là ci
      stendo la biancheria, maledizione!! :-)))

      Nel frattempo ho finito "La meraviglia delle piccole cose"
      Lettura consigliatissima a parte il finale buonista.
      Non è un romance, sono una serie di diari di tre membri della
      famiglia. Ho adorato la ragazza adolescente che odia tutti.
      Mo' comincio Hornby "Alta Fedeltà" cambio totale di genere.
      Buon martedì!


      Skyla

      Elimina
    2. Un piccolo estratto...

      http://giotto.ibs.it/prime_pagine/01/9788865080801.pdf

      Elimina

    3. Lo sai che non ricordo se "Alta fedeltà" l'ho letto o no? Andiamo bene :)
      Comunque dopo "È nata una star?" credo lascerò perdere Hornby per un po'...
      Questa sera do una sbirciatina all'anteprima de "La meraviglia delle piccole cose", grazie per il consiglio. Mi manca solo un libro della Guhrke (autrice che sto leggendo al momento) e poi potrei infilare questo in scaletta. Del resto, amo le adolescenti scorbutiche :)

      Elimina
    4. uh! Alta Fedeltà... grazie a questo libro ho scoperto anni fa il mio adorato Marvin Gay!

      Manu

      Elimina
  8. Finito! mi mancavano un centinaio di pagine e sapevo che se non avessi avuto imprevisti ce l'avrei fatta in una sera. :)

    anche a me é piaciuto!!! molto davvero. ma anche io gli darei 4 stelline su 5.
    ma non perché non prende le viscere (che tra l'altro penso di aver capito cosa intendi, e che tu abbia ragione), quello che mi impedisce la quinta stellina é proprio questa cosa del destino... non l'ho apprezzata mica tanto. questo fatto che si faceva male (e lei pure) quando negavano l'evidenza... boh. non é una delle cose che mi é piaciuta, non saprei neanche spiegare bene perché.
    e altro punto negativo per me é stato che avrei tagliuzzato sulla parte della negazione, cioé passano davvero tanto, ma tanto TANTO tempo a volersi vedere fingendo e dicendosi di non volerlo fare.
    e quando dopo tot. pagine, finalmente lui si arrende all'evidenza, va da lei e le dice: "basta, usciamo." e lei risponde: "si', ma solo come amici", cioé volevo spararmi in bocca... fossi stata Cal a quel punto l'avrei mandata a, ehm, quel paese... con tutto il rispetto per Min che é simpaticissima.
    poi, l'autrice é molto frizzante nel descrivere i dialoghi e le scene, eccetera, quindi non é che quelle tot. pagine siano state un peso, anzi, volano e sono divertenti, ma proprio concettualmente, ho trovato la fase di negazione davvero esagerata.

    per il resto mi é piaciuto tutto, i dialoghi, i personaggi secondari, lo svolgimento della trama che fila perfettamente e anche la presenza onnipresente di Elvis, ahah.
    io ho trovato esilaranti i primi due capitoli, l'inizio é davvero strepitoso. ridevo da sola e ad alta voce...

    cmq credo la mia battuta preferita (non so come sia stata tradotta in italiano) é di Liza quando vede Tony per la prima volta e dice: "Non vedevo delle sopracciglia cosi' basse dalle slide del corso di antropologia"
    ahahahahah, ti giuro ho riso forte su questa... ahaha, e credo che la riutilizzero' nella vita...
    e poi, ho adorato (proprio poco prima della fantastica teoria del caos), quando Tony arriva in un minuto e mezzo e le dice: "Scusami, credo che mi stessi fissando."
    e Liza dice: "quella era incredulità. non riuscivo a credere che qualcuno potesse essere cosi' lento."
    ahaha, non so se sono state tradotte cosi', cmq il succo é quello...

    cmq bello, e grazie a questo tuo spunto forse ho abbattuto il muro che mi separava dalle letture nuove, saro' finalmente uscita dal tunnel delle riletture? ahaha

    Manu

    RispondiElimina

  9. Liza quando vede Tony per la prima volta dice: "Non vedevo delle sopracciglia cosi' basse dalle slide del corso di antropologia"
    Ahahah, sì... e poi quando dice che lei e Bonnie hanno rimorchiato i due amici di Cal, e a Bonnie è toccato quello "con il pollice opponibile" (a differenza di Tony... ahahahha).
    Infatti mi è un po' dispiaciuto che...

    *** ATTENZIONE SPOILER SU "UNA SCOMMESSA PER AMORE" ***
    *** ATTENZIONE SPOILER SU "UNA SCOMMESSA PER AMORE" ***
    *** ATTENZIONE SPOILER SU "UNA SCOMMESSA PER AMORE" ***

    ...Liza e Tony alla fine non rimangano insieme.

    RispondiElimina
  10. anche a me é spiaciuto, anche se ho capito la scelta dell'autrice, tre su tre sarebbe stato forse poco verosimile, ma da lettrice si', in realtà anche a me é spiaciuto e avrei preferito che restassero insieme e chissene della verosimiglianza.
    in fondo é fiction cavolo! il bello é proprio che si puo' fare quello che si vuole...

    Manu

    RispondiElimina
  11. anche se poi, sono cmq contenta che sia finito con Diana, ma Liza mi ha fatto troppo ridere e l'avrei preferita.

    Manu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui devo confessare che l'unica volta che le mie viscere hanno avuto un sobbalzo leggendo questo libro è stato quando Liza lascia Tony e lui continua a mangiare come se niente fosse. La mia anima romantica (o meglio, deformata da anni di letture dove gli uomini nascondono i loro veri sentimenti) credeva che Tony fingesse indifferenza... e in realtà la amasse moltissimo e avesse il cuore, sob, sanguinante e spezzato... sèèè. Col cavolo.
      È così con i personaggi della Crusie. Sono quel che appaiono. Poche paranoie.
      Da qui (per me) le viscere intatte.

      Elimina
    2. ho presente quella scena, anche a me ha colpito, ma non avevo l'impressione che lui stesse fingendo, forse già da altre battute precedenti avevo avuto l'impressione che fosse piu' una cosa fisica per lui.
      io invece l'unico sobbalzo, ma non proprio sobbalzo, diciamo vago acceleramento di cuore, l'ho avuto quando Cal trova la Tour Eiffel e la cravatta di David in casa di Min ed é geloso, perché sempre cosi' posato, un po' di gelosia l'ha scosso un attimo, non so...
      e poi quando lei, dopo che lui ha cantato Love me tender, se ne va, lui la rincorre fuori da Emilio's e lei gli fa quel discorso forsennato, hai presente? quello mi é piaciuto e mi é sembrato un bel momento di pathos e quello che diceva lei era intelligente.
      cmq hai ragione, sono quel che appaiono i personaggi, e poi estremamente posati e razionali, forse per quello che é poco di pancia come lettura.
      cmq gradevolissima eh!
      pero' si', credo tu abbia ragione nella tua analisi.
      invece sai un pezzo che mi é piaciuto come é stato scritto?
      non mi ricordo in che punto esattamente, ma quando ad un certo punto Cal se ne va dalla casa di Min, forse avevano discusso per qualcosa non mi ricordo, e lui fa le scale e poi si gira indietro a guardare la finestra della camera di lei e riflette finché la luce di lei non si spegne e poi se ne va.
      quel pezzo in inglese mi é piaciuto un sacco, come vocabolario, costruzione di frasi, stile... era quasi poetico.
      non so come sia stato reso in italiano, se altrettanto bello.

      Manu

      Elimina

    3. sono quel che appaiono i personaggi, e poi estremamente posati e razionali, forse per quello che é poco di pancia come lettura

      Insomma, se non son strani non ci piacciono :)

      quel pezzo in inglese mi é piaciuto un sacco[..] non so come sia stato reso in italiano, se altrettanto bello

      Non saprei dirlo... spero male, perché non lo ricordo mica :D

      non avevo l'impressione che lui stesse fingendo, forse già da altre battute precedenti avevo avuto l'impressione che fosse piu' una cosa fisica per lui.

      Sì, quello è vero, però boh, non so... mi è dispiaciuto che fosse proprio piano come sembrava. Ecco. Avrei preferito il solito tipo da romance che dice "è solo una robba fisica, ahò" e poi quando si guarda allo specchio ha gli occhi a cuore...

      Elimina