martedì 19 marzo 2013

Good references

"Per un momento lei annaspò, mentre in testa vedeva accendersi grandi cartelli luminosi con il segnale di “STOP” e “PERICOLO CADUTA MASSI”. Ma quegli occhi erano così ipnotici e così scuri, che le parole le uscivano fuori da sole come topolini richiamati dal pifferaio magico.
E mentre i boccali iniziavano a danzare vorticosamente sul bancone, Alice Charlus si ritrovò a confidare a quell’avvoltoio di Fersen Rhein il suo segreto più oscuro."

"Good references",  di S.M.May

Qualche giorno fa un'amica virtuale mi ha mandato per e-mail il suo breve romance. Ho aperto l'e-book con qualche trepidazione. È sempre un piccolo patema per me affrontare gli scritti di amici o conoscenti; non voglio dar loro dispiaceri, nel caso non mi piacesse ciò che leggo. Sarà che io non ho mai imparato a buttarmi le critiche alle spalle, o a far sì che mi facciano meno male. 

E quindi, dicevo, trepidazione.

E se è orribile?, mi chiedevo.

Domanda capitale, voi lo capite, ma fin dalle prime frasi mi sono tranquillizzata. "Good references", di S.M.May, è un e-book spigliato, con un buon ritmo, divertente e ben scritto. Lo stile è personale, le trovate originali. 
(E senza refusi!)
Ho apprezzato molto la sua ironia e il suo senso dell'umorismo. Scusate, come non adorare questa parte:  
"Se non succede niente, il segreto è reagire con disinvoltura. Ripassò le frasi di circostanza che si era preparata. Nulla di cui preoccuparsi, Wilhelm. È perfettamente naturale. Pensavo di ritrovarmi sventrata in una pozza di sangue e invece siamo stati due adulti che ci hanno provato, ma non hanno raggiunto i target sperati. Ma è tutto perfettamente naturale.
Se succede troppo, reagire ugualmente con disinvoltura. Nulla di cui preoccuparsi, Wilhelm. È perfettamente naturale. In questo momento sono sventrata in una pozza di sangue, ma siamo due adulti capaci e consenzienti. E comunque, è tutto perfettamente naturale."
Forse avrei preferito un po' più di dubbi e patemi in Alice, la protagonista; ma voi lo sapete, io sono notoriamente portata al dramma, mentre "Good references" vuole essere divertente, allegro, e credo ci riesca bene. Io l'ho letto in un soffio, ho riso da sola in più di un'occasione, ho fatto la ola con i galletti. Voi, se volete, potete scaricarlo gratuitamente qui. Vi farà passare una mezz'ora piacevole, e non mi rimprovererete per avervelo consigliato.

PS. L'autrice dice di sé: "Adora tutto ciò che è sopra le righe e diffida dei sentimenti tiepidi, perché se non c’è la passione non c’è sapore.". Davvero, come non adorarla?


46 commenti:

  1. C'è un link o un modo per leggerlo?
    Ma che bello Nina, ti mandano le loro
    creaturine da leggere! ^_^

    Skyla

    RispondiElimina
  2. Devi andare qui:

    http://www.triskellevents.org/edizioni/product/good-references-s-m-may-racconto-gratuito/

    aggiungere al carrello poi fare procedi con l'ordine (anche se l'importo è zero) e ti mandano il link dove scaricare gratuitamente l'e-book. È più o meno lo stesso giro che ti fa fare Amazon quando prendi i suoi libri gratuiti.

    RispondiElimina
  3. Grazieee! :-))
    S.

    RispondiElimina
  4. Poi dimmi se ti è piaciuto, vè... :)

    RispondiElimina
  5. io adoro le cose leggere e divertenti!
    lo vado a prendere subito anche io! :)
    e la copertina é bellissima.
    e la triskell sarà già la seconda o la terza volta che la sento... mmmh. ;)

    Manu

    RispondiElimina
  6. :) poi dimmi che ne hai pensato...

    RispondiElimina
  7. ho fatto tutto, ma vedo che il tipo del file é .rar... che file é?
    si legge con il programma con cui si leggono gli epub?
    volevo scaricarmelo già sulla chiavetta, perché cmq qui sul pc del lavoro non ho i programmi per leggere gli e-book...
    ma ora questo .rar mi ha confuso... é uguale all'epub?

    Manu

    RispondiElimina
  8. Un file .rar è un file zippato... un file compresso, insomma... se ci clicchi due volte windows dovrebbe aprirtelo, o winzip, o 7zip, insomma...
    ma se vuoi te lo giro io e buonanotte al secchio :)

    RispondiElimina
  9. ho fatto e credo che sia tutto ok, mi esce una pagina Adobe qui, ma non riesce ad aprirlo, ma qui non ho il programma...
    stasera provo a vedere se riesco ad aprirlo bene, in caso contrario, ti dico e me lo giri.
    ormai devo leggerlo! credo sia proprio il mio genere!

    Manu

    RispondiElimina
  10. ah, cosa che non c'entra: ti prego guarda questo video!

    http://www.youtube.com/watch?v=pz8vq0S2vc0

    Manu

    RispondiElimina
  11. Guarda... ho visto tutto il pappocchio di dati personali
    da inserire e mi è passata la voglia...
    possibile che per concedere una cosina gratis
    l'editore debba mettere tutti 'sti paletti?
    Ufffaaaa... brava Manu tu sì che sei
    tecnologica! :-))

    Skyla

    RispondiElimina
  12. @Skyla. :(

    @Manu. AH! Guardato il video e... io detesto i militari! proprio costituzionalmente contraria all'uniforme! (e adesso rido da sola perché non andiamo d'accordo su niente ultimamente :D)
    Però il video è fatto bene, dai... e divertente... ma perché perché perché devono essere soldati? Non potevano essere pompieri? Voglio un video con i pompieri!!!
    PS. Una domanda mi frullava per la testa guardando il video, ma sono tutti depilati i maschioni oggigiorno?

    RispondiElimina
  13. Skyla: io mi sono scocciata sul numero di telefono... spero che non mi arrivino sms o telefonate perché sono già abbastanza bombardata con tutte le altre cose a cui l'ho dovuto "obbligatoriamente" lasciare...

    Nina: non son riuscita, ma perché???
    non mi dà neanche la possibilità di fare quel doppio clic che dici...
    perché io e l'informatica siamo due cose così separate?? uffaaa! :(((
    e poi ho provato a salvarlo cmq, e scegliere io il programma con il quale aprirlo e ho scelto Acrobat reader e non me lo prende lo stesso... :(((
    ma perché??? me lo giri tu allora, please?
    sorry... :(((

    ahaha, magari c'è il video coi pompieri! :)
    cmq i militari non li amo neanche io particolarmente eh... neanche le forze dell'ordine in generale sinceramente, per cui no, non siamo proprio in disaccordo su questo. diciamo però che riesco a vedere questo video e a riderne anche se non sono le mie persone preferite. :P
    ci sono due o tre scene, tipo quello che fa il sensuale strisciandosi la pistola sulla gamba o quando fanno i pom-pom con i mocho vileda che mi hanno fatto veramente scoppiare a ridere. :)
    per il pelame non ci avevo neanche fatto caso quando l'ho guardato!! :DDD
    son talmente abituata a vederli senza peli che non ho fatto neanche il collegamento...
    invece dopo la tua risposta mi sorge un'altra domanda: ma quindi odiando i militari, salti a priori tutto il mitico filone romance del "navy-seal"?

    Manu

    RispondiElimina
  14. @Manu. Inviato! :)
    Per quanto riguarda il romance del "navy-seal" non mi è mai capitato di leggerne nessuno, ma non per partito preso quanto piuttosto perché in genere sono dei romantic suspense, che non mi esaltano. Però nei libri i militari li digerisco, eh, perché so che tra le pagine il soldato sarà buono (muscoloso) simpatico (depilato) e gentile, e sospendo l'incredulità... poi la realtà è un'altra cosa, ma quando si legge si legge anche per sognare un mondo un po' migliore, ecchecavolo :)
    Ad esempio non credo che baroni conti duchi & aristocratici dell'Ottocento inglese fossero buoni muscolosi depilat—ah, no, questo no :D—insomma, non erano proprio impeccabili, eppure leggo regency come se piovesse, con loro come protagonisti :)
    E quindi, ora, domanda inevitabile: mi consigli qualche navy seal in particolare?

    @Skyla. Se vuoi che invii anche a te l'e-book, fammi sapere :)

    RispondiElimina
  15. Grazie Nina :-), ma per forma di protesta
    preferisco restare nel legale.
    Così la sventurata autrice magari la prossima
    volta sceglie un editore più elastico...
    voglio dire la creazione di un account ci sta,
    giusto perché qualcuno non ne scarichi
    tremila copie. Do volentieri il mio indirizzo
    mail, ma tutto il resto...
    che c'entra l'indirizzo di casa e il numero
    di telefono con un e-book?
    Io m'indigno, come dice Mafalda.
    Skyla

    RispondiElimina
  16. Non ci avevo pensato, a tutti gli annessi e connessi! Io comunque in questo momento sembro Mafalda... appena sveglia, con i capelli ruffi :D

    RispondiElimina
  17. ma Skyla, é gratis anche sul sito... perché non dovrebbe essere legale se te lo invia Nina? perché non avresti seguito la procedura corretta?
    sono d'accordo con quello che dici, e molto probabilmente é una raccolta dati.
    l'unica cosa su cui non concordo é quando dici: "Così la sventurata autrice magari la prossima
    volta sceglie un editore più elastico..."
    sarà che sono di parte, ma già trovare uno straccio di editore decente che ti caghi é già abbastanza difficile di suo, se in piu' uno deve stare attento anche a questi particolari ed eliminarlo teoricamente a priori... fai prima a metterti l'antima in pace e scrivere per lasciare poi tutto in vari cassetti di casa tua.

    Nina, il tuo commento mi ha spaccato!!! ahaha, troppo divertente. :)))
    cmq si', capisco cosa intendi. io per es. quando leggo i regency faccio sospensione di incredulità sull'igiene, perché una volta (purtroppo!) avevo letto un piccolo saggio sulle vere condizioni igieniche di quei tempi ed erano abbastanza allucinanti...
    navy seal ho recuperato qualcosa per provare il genere ma non ancora letto.
    per cui non ti posso consigliare niente, ma ti posso passare quello che ho.
    so che é mitico perché ci sono serie infinite e molto apprezzate in america, e spesso compaiono nella lista dei libri preferiti delle mie autrici preferite. :)

    Manu

    RispondiElimina
  18. Manu, forse sono io che pecco di ipercorretezza
    (se esiste), ma se c'è una procedura mi piace
    rispettarla. Proprio per rispetto nei confronti
    dell'autore.
    Diverso è il tuo caso: hai fatto tutto per bene
    e nemmeno funziona!
    Riguardo ai dati...
    Non trovo che questo sistema semplifichi la vita
    all'autore (in questo senso sventurata), che di certo non vede
    l'ora
    che il
    suo libro sia letto da più gente possibile.

    Magari qualcuno che l'avrebbe letto
    volentieri se ne tiene alla larga per paura
    di ricevere un quintale di spam da mezzo mondo.
    Altri come te non riescono ad aprirlo.

    Infine, sul discorso dell'essere considerati...
    La scrematura, come autore, a me piace farla anche
    su queste cose...
    Baciotti e non mi scatenare contro il tuo "sangue
    caliente" :-))

    Skyla

    RispondiElimina
  19. :)))
    anche io scremo, ma sono piu' permissiva allora, perché questa cosa non mi frenerebbe dall'inviarglielo. ci sono cose che reputo piu' importanti.

    riguardo al sangue caliente, tu sei una donna, non sei un uomo cromosomicamente colpevole di ottusità...! difficile scatenarmi il sangue caliente partendo da una base piu' alta...
    ahahah, va beh adesso scherzo dài. ;)

    Manu

    RispondiElimina
  20. @Manu. A proposito dell'igiene di conti duchi ecc, sai che sei troppo pessimista? All'inizio dell'Ottocento in Inghilterra c'è stato un tipo famoso, di cui MANNAGGIA ora mi sfugge il nome e non riesco a cercarlo perché sono al lavoro, beh 'sto tipo, molto amico del principe reggente, aveva dato il via alla moda degli abiti scuri (via i colori sgargianti del Settecento; diceva che se per strada ti notano, non vuol dire che ti sei vestito bene, vuol dire che ti sei vestito da buffone) e propugnava anche il bagno regolare (al tempo alcuni pensavano che lavarsi facesse male!). Cerco la fonte e il nome del tipo questa sera e li posto.

    RispondiElimina
  21. Beau Brummel?

    boh, quel saggio faceva venire voglia di farsi un bagno subito dopo...
    e poi dal vivo, ho visitato una casa intatta Regency quando sono andata a edinburgo e mi son messa a chiacchierare con una signora che era li' a far da "guardia" e lei mi ha mostrato le ciotole dentro le quali si lavavano, e mi aveva detto che la quantità d'acqua che loro usavano in una settimana (non essendoci tubature nella casa) era tipo quella che noi usiamo la mattina per lavarci la faccia e che piuttosto continuavano a spruzzare profumo sullo sporco...
    beh uno schifo...
    e altra cosa che vorrei dimenticare, é che quando le donne si alzavano da tavola dalle cene per lasciare gli uomini al "porto", loro stavano a bere, chiacchierare, a volte giocare a carte e spesso finivano mezzi ubriachi e pisciavano nel camino!!!
    bleaaaahhhh!!!
    non potro' mai dimenticarlo purtroppo! :S

    Manu

    RispondiElimina
  22. L'altro giorno in commissione di laurea c'era la prof femminista! Quella dell'esame su Jane Eyre!
    Però è stata tranquillissima anche se ho parlato di un genere supermaschilistissimo (chissà se è davvero così :P) ossia il poliziottesco XD

    Insomma dai, non siete sempre cattive :p

    Un abbraccio,

    Moz-

    RispondiElimina
  23. >> L'altro giorno in commissione di laurea c'era la prof femminista! Quella dell'esame su Jane Eyre!

    Dai che ti dà zero!

    >> Però è stata tranquillissima

    DAMN IT! Cioè, volevo dire, oh, che fortuna... ;)

    >> anche se ho parlato di un genere supermaschilistissimo ossia il poliziottesco

    Non ho ben capito il tipo di esame (letterario? cinematografico?) e quindi non riesco a criticarti come vorrei. Tutto ciò è frustrante! Racconta un po' meglio, dai...

    RispondiElimina
  24. La tesi era sul poliziesco all'italiana, dagli anni '70 ad oggi, dal cinema alla tv.
    Ma c'era anche l'argomento storico, perché ho parlato dell'Italia che cambia e di come il genere si adegua a questi cambiamenti, o li rimanda allo spettatore.

    Via alle critiche :)

    Moz-

    RispondiElimina
  25. Oh, accidenti, mi piacerebbe. Ma ne so ancora troppo poco e pregiudizievole come sono non ne saprò mai nulla di più (serie poliziesche anni '70? e che fanno prendere un bel voto al Moz?! NON LE GUARDERO' MAI! :D)
    Per cui questa volta te la cavi, vè... ma solo questa volta :P
    PS. e vabbè, complimenti per l'esame. È venerdì pomeriggio e improvvisamente esce fuori il mio lato angelico... :*

    RispondiElimina
  26. In realtà il voto non è stato altissimo.
    La mia media era bassa, rovinata proprio dal voto dell'esame su Jane Eyre a dirla tutta :p
    Pertanto non hanno potuto mettermi un voto finale alto.

    Ma fa nulla, anche perché -sono sincero- alla media non c'ho mai badato.

    P.s. a parte scherzi, tratto anche l'argomento "donna", nella mia tesi, perché c'è una evoluzione, nel poliziesco all'italiana (dal poliziottesco al genere in tv) riguardo l'universo femminile XD

    Grazie mille, comunque... Lato Angelico del Venerdì :)

    Moz-

    RispondiElimina
  27. Cioè fammi capire. Hai preso la laurea? Qualcuno ha certificato che tu appartieni alla rara schiera degli "uomini con cervello"? 'spetta che devo scambiare due paroline con la tua commissione... ;)
    PS. congratulazioni!

    RispondiElimina
  28. Ahahah, eggià.
    Che poi, dai, non è un pezzo di carta (perché di questo si tratta, né più né meno) a fare il cervello.

    Grazie mille, donna con cervello (non so se sei laureata o meno ma sicuramente hai cervello!^^)

    Moz-

    RispondiElimina
  29. oh my goodness!!!
    MikiMoz ha preso la laurea!!!
    non so come prendere questa notizia...
    ahaha, scherzo. (meglio specificare)
    ma dicci quanto hai preso dai, anche io ho preso un voto basso (causa esame di informatica nel mio caso)
    se mi dici il tuo, io poi ti dico il mio... ;)
    Congratulazioni!

    Manu

    RispondiElimina
  30. Wè Manu, scusa il ritardo con cui ti rispondo ma causa festicciola e post d'addio ai miei amici della parentesi universitaria (nonostante il voto basso, ossia 98 rispetto al 102 della prima XD) ci son stato poco :)

    Ecco, ho pure risposto alla tua curiosità, e se vuoi sapere di più ti dico che sono stato uno studente modello fino alle medie (uscito con "A"), poi il declino al liceo (rischiata bocciatura i primi due anni, risalita dalla mediocrità nel terzo e nel quinto, voto finale 66)

    Moz-

    RispondiElimina
  31. Il Moz dà i... numeri :D
    Ma dimmi, com'è che al liceo ti era presa la crisi? Adolescente ribelle? Piercing, spinelli & rock'n'roll?
    PS. Sono molto qualunquista se penso che i numeri raccontino la parte meno importante di noi stessi?
    PS2. Se io tornassi alle superiori, studierei molto meno e mi divertirei molto di più :)
    PS3. Io non ho la laurea. Ma del resto, perché certificare l'ovvio? ;)

    RispondiElimina
  32. Ma Moz ma hai preso due lauree diverse o parli di triennale e specialistica quando parli di prima e seconda?
    e a questo punto sono curiosa, in cosa ti sei laureato? ma presumo lettere o beni culturali con indirizzo in cinema?
    allora visto che hai descritto bene, descrivo pure io.
    io sono stata al contrario di te, ovvero medie orrende anche se rimanevo nel discreto grazie alla mia buona memoria, ma mi ricordo che le professoresse mi sconsigliarono di fare i licei dicendomi che non ce l'avrei fatta...
    come hanno osato?!? me lo chiedo ancora oggi a volte... ahaha
    cmq alle superiori ho fatto una scuola tecnica di lingue, non perché l'hanno detto loro ovviamente!, ma perché non sapevo se volevo fare l'università o meno di li' a 5 anni.
    superiori bene: nonostante sia stata un'adolescente pseudo-ribelle con spinelli e rock'n'roll come dice Nina sono anche riuscita ad andare bene (91).
    poi ho preso una laurea triennale in beni culturali con indirizzo in storia dell'arte e sono uscita con 101, esattamente 9 punti in meno del massimo come mi era successo alle superiori.
    non ho fatto il biennio perché non mi piaceva la piega di studio che offriva l'università, troppo teorica senza formarmi effettivamente per nessun lavoro in campo artistico.
    e troppo avulsa dalla realtà circostante. una volta che hai finito, scopri che lavori per cio' che hai studiato (troppo teoricamente) non ce n'é.

    Nina mi spiace, tu hai estremamente ragione, ma io ADORO i numeri... non ci posso fare niente!! :P
    mi metto in competizione con me stessa, se vado in piscina conto le vasche, se corro tengo tempo e kilometraggio... e cosi' pure per la scuola e i voti e tutto cio' che é misurabile. di conseguenza adoro sentire "i numeri degli altri". :)

    (cmq "perché certificare l'ovvio?" mi ha spaccato... ahahah)

    ah, the last but not least, ho letto Good References ma non ho ancora fatto in tempo a scaricare a casa quello che mi avevi consigliato di scaricare... appena ho tempo provo.
    a me é piaciuto, é uno stile di scrittura che mi piace un sacco, é molto ironico e leggero.
    certo é cortissimo, troppo corto per soddisfarmi, ma é un bell'esempio di come scrive lei ed é un qualcosa che mi fa dire: se scrive un romanzo questa donna lo compro sicuro! ;)

    Manu

    RispondiElimina
  33. @Nina: hai ragione, altro che qualunquismo. Pensa che ora che ho preso 98 il relatore mi fa "partivi già basso, la tesi è piaciuta e ti abbiamo dato un bel punteggio, ma era la media ad essere bassa*" e io gli ho risposto "sinceramente non so, non me ne sono mai preoccupato" ed è vero, non c'ho mai badato ai numeri: se mi piacevano i numeri studiavo matematica.
    *per inciso, la mia media non mi sembrava così bassa, ma è stata rovinata appunto da quell'esame su Jane Eyre e un altro, per il resto eran tutti voti medio-alti (27-28)
    P.s. no, niente ribellione in quel senso, semplicemente rifiuto del sistema scolastico. Per dire, molte delle cose (non) studiate all'epoca me le sono riviste poi, per cazzi miei XD

    @Manu:
    dunque, ho preso nel 2010 (con estremo ritardo) una laurea in Lingue e Lett. Straniere con indirizzo Turistico-Manageriale (proveniente da una ex quadriennale tanto che ho fatto esami di lingua fino al n. 4); poi nel giugno 2011 ho cominciato una specialistica chiamata Prod. Artistica e Nuovi Linguaggi, che si occupa appunto di tutti i nuovi sistemi di comunicazione anche artistica, italiani e non.
    Quindi internet, giornalismo, fotografia, radio, cinema, tv, letteratura comparata ecc...
    E ho fatto la tesi appunto con la materia Radio, Cinema, Televisione (quella della triennale era su Lett. Spagnola contemporanea).

    Ti dico: in questo biennio m'è piaciuta una cosa, ossia che non è stato sola tutta teoria, ma anche pratica, con attività sul campo.

    Il tuo percorso di studi è un po' il contrario del mio, a quanto vedo.
    Comunque a me la scuola in generale è sempre stata sul cazzo. L'amerei anche, se fosse diversa.

    Moz-

    RispondiElimina
  34. @Both. Urca, ne sapete a pacchi!

    @Manu. Su "Good references" sono d'accordo con te. E poi a livello stilistico c'erano delle trovate davvero carine, ad esempio i galletti sul boccale. Un bel modo per comunicare quello che prova la protagonista senza riportarci sempre il suo pensiero diretto.

    RispondiElimina
  35. Moz, che bello che hai fatto cose pratiche guarda!
    a me dava parecchio fastidio non averle, mi sentivo che stavo perdendo tempo o, piu' che altro, che non mi stavano formando per fare niente.
    spero che queste cose pratiche ti aiutino a trovare un lavoro nel campo per il quale hai studiato.
    cmq anche a me la scuola per come è fatta sta sulle palle.
    P.S. avevamo la stessa media cmq! :P

    Nina, sai una cosa? prima spulciavo il sito della Triskell, e ho trovato un commento in cui una tizia dice che non riesce ad aprirlo e loro rispondono di scaricare "winrar" per unzippare il file. quindi vedi?
    ci avevi visto giusto, non ho probabilmente il programma adatto per unzippare. devo provare.
    inoltre le dicevano che se ancora non riusciva le avrebbero spedito il file via mail, quindi anche molto gentili.

    Manu

    RispondiElimina
  36. Ma Winrar non è a pagamento? Credevo ci volesse la licenza, come Winzip... 7zip è un programma gratuito, invece, e apre tutti i file archivio, sia gli ZIP che i RAR.
    Secondo me, comunque, alla fine ce la puoi fare :)

    RispondiElimina
  37. @Nina: so il giusto XD

    @Manu: posso dirti cosa ho fatto di cose pratiche (e cosa si poteva fare): montaggio audio e video, fotografia, studio di una mostra (allestimento ecc) con reportage, laboratorio teatrale, l'università ha una sua radio, incontri e convegni, visione film, progetto musicale (tenendo conto di budget, location, strutture...) ecc...

    Insomma, non solo teoria vera e propria, ma anche una sorta di "iniziazione" sul campo.

    Moz-

    RispondiElimina
  38. Scemenza fuori thread numero uno:
    oggi mi scrive un tizio che senza nemmeno presentarsi mi chiede se può pubblicare
    un mio racconto sulla sua pagina personale facebook. Ehi, ciao, esordisce in una mail di una riga,
    neanche fossi sua sorella. Magari era una bella idea, chissà, ma secondo lui una ragazza si mette
    a rispondere alle mail di uno sconosciuto? Cestino senza rimpianti.
    Scemenza fuori thread numero due:
    odio ufficialmente scrivere le sinossi ai miei romanzi. Quel ridicolo riassuntino che deve
    anche essere accattivante. Una cosa assurda tipo educare divertendo e robe simili :-))

    Ehi, a proposito... buona Pasqua!
    Skyla

    RispondiElimina
  39. Povero, il tipo, cestinato senza pietà!
    Hai ragione, non si è comportato propriamente da gentiluomo, ma magari sotto la scorza goffa c'era un sensibile Mr Darcy!
    E poi, se sul suo profilo fb voleva condividere un tuo racconto e non una barzelletta di Totti, completamente male non dev'essere, dai :)
    Ripensaci Sky!

    Per le sinossi, non posso darti che ragione! Ricordi, quella di Lemonade l'avevo pubblicata su BA per avere consigli (e tu mi avevi detto, in pratica, che era tutta da rifare :D). Mi irrita 'sta cosa che vale più come ti presenti che il libro che hai scritto...

    RispondiElimina
  40. Di Mr Darcy ce n'era uno solo e se lo sono già accaparrate :-))
    Se magari mi riscrive, con due parole di presentazione e mettendo il link della sua pagina fb, magari gli rispondo. Ma così... per quanto ne so potrebbe essere uno scherzo.

    E poi la sinossi... l'ho già scritta tre volte e ogni volta qualcuno dice la sua. Se è troppo sintetica la correggono, se oso metterci dentro un po' di me allora sto strizzando l'occhio all'esaminatore. Non la faccio leggere più a nessuno ecco! E riguardo ai miei consigli... buuu. Facile col lavoro degli altri. La verità è che a un selezionatore dovresti spruzzare in viso una dose omeopatica del tuo romanzo... puff e lui già ha capito tutto!
    Skyla

    RispondiElimina
  41. Moz, hai fatto quello che volevo fare io!!! allestire mostre!!
    fighissimo anche il montaggio audio e video... ma che bella sta cosa che hai fatto, ma c'era quando ho finito io e non l'ho sgamata o é nuova? a parte che ora che ho finito l'uni avevo già preso un'altra strada...

    Nina, nel commento diceva che winrar é gratis, cmq non ho ancora avuto tempo... vedi quando dico maledetta società moderna??? gggrrrrrhhhh
    lo faccio sicuro in questi 4 giorni di vacanza.
    sul mio riuscirci non ne sarei cosi' certa... :S
    parlando di numeri, l'esame di informatica all'uni é stato quello in cui sono andata peggio, 21 appunto. perlomeno era dispari! perché devi sapere che per non farmi mancare niente ho anche una fissa per i numeri dispari... ahahah
    c'é da dire una cosa, quando m'incaponisco m'incaponisco e di solito chi la dura la vince, no? ahahah ;)

    Ragazze: ma che dire della sinossi se non BUUUUUU!!! dovrebbe non esistere del tutto, anche se ne comprendo l'utilità.
    cio' che non comprendo é quando ti fanno mandare entrambe... sia sinossi che romanzo completo, qual é il senso secondo voi?

    Manu

    RispondiElimina
  42. @Manu:
    Sulle mostre abbiamo studiato allestimenti e gestione, di mostre locali ovviamente non siamo andati a Milano, per dirti. E c'era un report da consegnare e discutere all'esame.
    Idem per l'esame di musicologia: ho dovuto fare un progetto (reale e fattibile) sulla gestione di un gruppo all'interno di un contesto... molto bello.
    Per la fotografia abbiamo fatto due uscite e l'esame, oltre alla teoria, era proprio portare un racconto fotografico con un tema unico. Quindi mettendo in pratica ciò che avevi tecnicamente studiato.

    Poi, ok, ci sono stati esami più classici, tipo quello di Storia o di Lett. Inglese, anche se c'era sempre qualcosa di particolare, esempio... comparazioni tra romanzi e film.

    Comunque questa magistrale ad oggi non esiste più, la cambiano ogni paio di anni e io beccai questa qui XD

    Moz-

    RispondiElimina
  43. ce l'ho fattaaa!!! ce l'ho fatta, ce l'ho fatta, ce l'ho fattaaa!!! ahahaha
    ho scaricato winrar (gratuitamente) e sono andata al link per scaricare il file e ha funzionato, poi ho fatto estrai ecc.!!! Yeah!!! :))))))))
    mi sento quasi un'informatica adesso!! ahaha

    Moz, è bello, molto bello, ma perché cambiare ogni due anni?
    rimarrà valevole per sempre ora il tuo titolo? immagino di sì, però mi sembra una cosa strana cambiare così spesso... boh!

    Manu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) Lo sapevo... non ho mai dubitato della vittoria finale! Manu può perdere una battaglia... ma la guerra...!

      Elimina
  44. @Manu: certo che vale, diciamo che l'università cambia nome ai corsi della magistrale, non so perché :)

    Moz-

    RispondiElimina