venerdì 2 novembre 2012

"Lasciate ai miserabili le loro miserabili gioie"

"Di tutte le ricchezze", il nuovo
libro di Stefano Benni
"Da piccolo a Natale aspettavo un regalo 
Un pacco dorato, sotto l’abete luminoso 
Quando aprii il pacco, non era quello atteso 
Lo tirai contro il muro piangente, iroso. 
Quanti regali ho rotto, ho respinto 
Nella mia vita, dopo quel giorno? 
Ora di questi ho rimpianto 
Accettare i doni è difficile 
Perché sempre ne aspettiamo uno soltanto."

PS: Un libro carino, se non fosse che il tema "amore che si risveglia a contatto della gioventù e della bellezza" mi ha stancato dannatamente. È un concetto così banale. Non capita mai di sentirsi vivi perché si scopre il bello in qualcosa di brutto e storpio? No, forse no, dopotutto. Ma che ci posso fare se sono fatta male, e se penso che è così che dovrebbe andare, per una volta almeno, per una volta soltanto?

5 commenti:

  1. le parole sui doni sono troppo TROPPO vere!!!

    ma in che senso "amore che si risveglia...", cioé nel senso letterale di qualcuno che si é innamorato di qualcuno giovane e bello?
    cmq, io ho letto una cifra di libri in cui l'amore si risveglia di fianco al brutto e storpio (in inglese mi sa, pero', adesso che mi ci fai pensare), anzi ti diro', l'archetipo della "bella-bestia" é uno dei miei preferiti in assoluto.

    RispondiElimina
  2. mi son dimenticata di firmare... ero la manu sopra.
    e anche adesso.. ahaha ;)

    RispondiElimina
  3. Tu chiedi "nel senso letterale di qualcuno che si é innamorato di qualcuno giovane e bello?"
    Sì, più o meno così. È un bel libro, eh, ma quel po' di irritazione non mi ha mai lasciato mentre lo leggevo. Banale come motivo d'azione, così la penso io. Mi stufa, ma questo è perché io sono acidella :)

    RispondiElimina
  4. ahhaha non sei acidella dài, hai gusti un po' piu' maturi direi. non che da maturi la gioventu' e la bellezza facciano schifo, ma diciamo che da giovani lo storpio e il brutto sono solo storpio e brutto, mentre da maturi si riesce, o forse si hanno piu' mezzi per poter andare al di là...
    cmq non é che il giovane e il bello non ci stiano ogni tanto, ma anche io trovo molto piu' intrigante quando le cose non sono cosi' ovvie. :)
    manu

    RispondiElimina
  5. Nina cazzarola, mi sono spulciato un po' il tuo blog... e... ho scoperto che sei una scrittrice!! Bhe complimenti! Poco a poco leggerò i tuoi racconti e chissà, forse anche Lemonade (ma ha la cover troppo à la Jane Eyre :p)

    Moz-

    RispondiElimina