martedì 26 giugno 2012

Cinquanta stroncature


Ragazze, volete sentirvi cool? Allora fate una recensione negativa di "Cinquanta sfumature di Grigio", il caso letterario dell'anno. Fa figo, soprattutto se prendete in giro chi lo ha apprezzato. 

Non c'è niente di più intellettuale e femminista, dicono.

Peccato che non sia vero. Andando a leggere le recensioni di Cinquanta sfumature su Anobii, la recensione più votata (negativa, of course) è quella di un uomo. Solo a me questa cosa dà da pensare? La più apprezzata recensione su di un libro scritto da una donna per altre donne è quella di un uomo.

Allora è vero, esiste la sottomissione femminile. Ma non è in Fifty Shades. Semmai, è nello sposare parole d'ordine maschili, come sta avvenendo in questo caso.

Cerchiamo di capirci. Il brutto non è che il libro non piaccia. Il brutto è che vengano derise le ragazze a cui piace. Ci sono, per fortuna, casi diversi. Una è la recensione (negativa) di Weirde. Questa recensione mi è piaciuta molto, perché motiva, e non giudica. Anzi, si spinge fino a suggerire qualcosa sullo stesso argomento di "Cinquanta sfumature", ma scritto meglio.
L'altra recensione è di Keira, di The Book-Lover, che scrive qualcosa che credo pensino molte ragazze, anche se appunto, dirlo non è cool.

PS: per chi se lo chiedesse, a me è piaciuto "Cinquanta sfumature"? Ahimé, no. Sono stramazzata al personaggio femminile, che ha ucciso in me ogni sospensione d'incredulità. (Ok vergine, ma mai innamorata fino a 21 anni? Impossibile, Miss Steele. Dai 14 ai 21 anni, semmai, ci si innamora tutti i giorni. È dopo che diventa difficile.) 


11 commenti:

  1. Ah, sento già che questo sarà un commento abnorme.

    Sono andata a leggermi le recensioni che hai citato (tranne quella di weirde che conoscevo già e anzi, sapevo di questa serie la prima volta che ne parlo' anni fa) e credo che quella piu' votata di Anobii sia non perché é scritta da un uomo, ma perché é scritta con un bello stile (accattivante, ironico e scorrevole), anche se, ad essere onesta, secondo me ad un certo punto si é perso via perché non ho capito affatto dove volesse arrivare con la descrizione di lui nel casolare in toscana...
    mah, forse il libro l'ha eccitato (nonostante l'abbia disprezzato) e si é sfogato in qualche modo? ahahahah! o era un modo ironico per prendere in giro tutti quelli che si eccitano con questo tipo di rapporto? purtroppo piu' probabile rispetto alla prima ipotesi e assolutamente in linea con la vena di bigottismo, ignoranza e limitatezza che serpeggia in tutto il nostro amato paese.
    per il resto, sai cosa penso? che la cosa non mi stupisce affatto. questo é un paese bigotto e pruriginoso, se mi passi il termine che non so neanche se esista ma credo faccia passare il concetto, nel suo profondo.
    qua stiamo parlando di sadomasochismo, quando io che leggo romance normali sono stata tacciata come "casalinga frustrata" da un'amica pur non essendo né casalinga né frustrata.
    se ancora il romance che é molto piu' blando e mi sembra assolutamente normale (almeno a me!) é ancora visto come qualcosa di cui vergognarsi, come un "porno per le donne" (mi é stato detto anche questo) solo perché all'interno di una storia d'amore c'é qualche scena di sesso esplicita qua e là (che io voglio dire, ma nei film la cosa é normalissima! perché nessuno dice niente? nei libri si scandalizzano e ti fanno passare per depravata, nei film va tutto bene. che poi voglio dire, cavolo, se descrivi un rapporto tra due adulti, é anzi ovvio che ci sia del sesso, non sarebbe verosimile altrimenti, come diceva l'autrice dei "Peccati di Peyton Place" - bellissimo libro che ti consiglio caldamente), io non vedo come possa essere apprezzato questo libro qui.
    é una questione culturale allargata, l'italia é ben lontana da una certa libertà di pensiero che regna in altri paesi.
    non puo' che esserci questa reazione in questo paese.
    per quanto riguarda la protagonisa, pero' non sono d'accordo, la maggioranza delle ragazze é come dici tu, si innamora tutti i giorni dai 14 ai 21, ma io per esempio non sono stata affatto cosi'. mi sono innamorata solo una volta e presto e l'ho tenuta per parecchio tempo. non mi innamoravo affatto tutti i giorni, anzi. per cui diciamo che se io non mi fossi innamorata quella volta e non avessi incontrato quella persona, sarei potuta arrivare ai 21 senza essermi ancora innamorata.
    forse non sarai d'accordo, ma in questo caso penso che tu abbia ragione nel dire che non é comune come cosa, ma é verosimile (io mi sento di dire che sarei potuto essere come la protagonista veramente, nella realtà).
    puo' esserci una ragazza cosi'.
    quello che trovo meno verosimile di questo, invece, é quello che ha detto il ragazzo di Anobii, ovvero che da vergine passa a dea del sesso in tre secondi.
    questo non é affatto verosimile, secondo me. io, avessi letto il libro, avrei avuto la sospensione d'incredulità su questo punto invece che sull'altro.
    ufh!
    l'avevo detto che sarebbe stato abnorme... :)))
    Manu

    RispondiElimina
  2. aggiungo un'altra cosa.
    io questo libro non lo leggero' perché ho altro in attesa da cinquantamila anni, ma mi dà enormemente fastidio che tutti lo stanno leggendo, solo perché tutti lo stanno leggendo.
    quanto é cretina questa cosa da 1 a 10?
    certo, questa cosa dal punto di vista di un autore che diventa milionario nel giro di due settimane é fantastica, ma dal punto di vista di una lettrice compulsiva é abbastanza triste.
    Manu

    RispondiElimina
  3. ahahah, adoro i commenti abnormi :)
    hai ragione sul fatto dei 21 anni, a volte tendo a essere assolutista. È che la protagonista non solo non si è innamorata, ma sembra come... asessuata fino ai 21 anni! Cioè, come se non le fosse mai interessato il sesso. Bah... In verità non è che posso parlare molto di questo libro, perché... ho letto sì e no 100 pagine, saltando qua e là. Non mi è piaciuto, ahimé. L'ho trovato incredibilmente noioso. La cosa che mi fa arrabbiare, infatti, non è che lo si trovi brutto... è che si derida chi lo legge, con uno snobismo insopportabile! "Casalinga frustrata" è il più gentile, "donna che non tromba", il più diffuso.
    Ormai è diventato lo sport preferito dei blogger, la stroncatura di Fifty Shades. Anche dei blogger che mai e poi mai si sono interessati al romance o all'erotico femminile. Io, perlomeno, leggo romance, tra tante altre cose. Quindi è normale che legga Fifty Shades. Ma perché gente che si brucia gli occhi su Proust e "Gente di Dublino" legge questo libro? A che pro? È evidente che non è dedicato a loro. A loro non serve, non lo leggano, ma lascino stare le persone, anzi le donne, a cui serve, sia perché le fa sognare, sia perché dà qualche spunto per la vita sessuale... ma santo cielo, che c'è di male a far sesso, ognuno come più gli piace?

    RispondiElimina
  4. sono totalmente d'accordo, mamma mia quanto sono d'accordo... poi la cosa su Proust e Gente di Dublino... AHAHAHAHHAAHAHAHAHAHAH!!!! mi ha fatto troppo ridere!
    tra l'altro, sai la cosa che mi fa morire? é che in italia si legge pochissimo. avevo letto una statistica che diceva che solo il 9% della popolazione legge piu' di un libro l'anno.
    quindi deduco che molta gente abbia raggiunto la sua quota con Fifty Shades.
    e poi hanno anche il coraggio di parlare e di essere snob. mah.

    io sto leggendo in questi giorni il mio primo romanzo puramente erotico (tra l'altro gay, quindi non lo diro' mai ad alta voce se non voglio essere lapidata viva) e devo dire che sto un po' faticando... cioé le infinite pagine di sesso mi annoiano, le trovo pesanti... non vedo l'ora che succeda qualcos'altro o che si dialoghi un po'. con le scene di sesso nei romance non mi succede mai, forse perché durano il giusto. forse meglio dire il gisuto per me e per i miei gusti.
    credo di star scoprendo ancora qualcosa su me stessa, ovvero che la mia dimensione preferita é proprio quella del romance, dove c'é un po' di tutto: storia, conversazioni, fatti veri e propri e poi anche momenti romantici e scene di sesso, ma cosi' puramente erotico é un po' noioso. anche se é scritto bene.
    pero' mi piace provare un po' di tutto.
    Manu

    RispondiElimina
  5. Io se non mi sbaglio non ho mai letto un libro erotico, neppure Lora Leigh per intenderci... e dovrei farlo, perché scrivere scene erotiche è difficile, e avrei solo da imparare.
    Solo che c'è poco da fare, la parte che mi piace di più è la tensione *prima* del sesso...

    RispondiElimina
  6. oh si', anche io preferisco decisamente la tensione del prima. :)
    Manu

    RispondiElimina
  7. L'unico libro di genere che consiglierei è Il delta di Venere di Anais Nin. Dopo migliaia di pagine scritte successivamente è ancora il migliore.

    La recensione di http://theblogaroundthecorner.it/2012/06/cinquanta-sfumature-di-grigio-fumo-e-niente-arrosto/
    l'ho trovata esilarante :)

    RispondiElimina
  8. Insomma, Ardito, mi stai consigliando tra le righe di leggermi un po' di libri erotici? ;)
    Ok, posso provarci, ma non so se arriverò fino in fondo...
    Anche tu lettore del blog dietro l'angolo? Mi piace moltissimo anzichenò. E come stroncatura mi sembra più che ragionata, e non perbenista come altre che si leggono in giro (“unadonnasottomessaohmioddio!”).
    Ad esempio quando dice: "Ho letto da qualche parte che si tratterebbe di un romanzo maschilista. Macché. Scritto da una donna per le donne, Cinquanta sfumature di grigio inganna proprio le donne, perché alla donna, moglie e madre di oggi, presumibilmente trascurata, viene suggerito un ideale erotico irraggiungibile."
    E poi, quando dice: "Lui è ansiosissimo di ottenere quella firma che, per qualche oscuro motivo, pur essendo del tutto priva di valore, gli darebbe il pieno possesso di Anastasia" - ecco, qui mi ha fatto ribaltare. Davvero, c'è dei buchi logici immensi in quel libro, altro che criticarlo perché "una donna perbene certe cose non le fa"... :)

    RispondiElimina
  9. Io non ho letto questo romanzo e non credo lo leggerò. Non trovo, tuttavia, strano che tutti lo stiano leggendo perché tutti lo leggono: essendo l'uomo un animale sociale, è naturale che sia figlio del proprio tempo e interagisca con la società, partecipandovi attivamente e... facendo la pecora.

    Il fatto che se ne parli tanto sicuramente aiuta ad aumentare la popolarità di Cinquanta sfumature di grigio: credo che sia stato fatto un buon lavoro di marketing sul prodotto. Con ciò, non bisogna dimenticare che il marketing non crea bisogni, bensì li soddisfa.

    Insomma, a me pare che il successo - in senso lato - del romanzo sia più che naturale nella situazione attuale.

    Ludo.

    RispondiElimina
  10. A proposito di opinioni, già vista la videorecensione di Silver Reflex:

    http://www.youtube.com/watch?v=Mtc06MPnXXI&feature=plcp

    All'inizio è ironica e un po' over the top, però è interessante ed è pure stata fatta da un uomo.

    Ludo.

    RispondiElimina
  11. "Una cravatta... può servire per legare... e può servire per sferzare" ;)
    Che occhi azzurri, ha il tipo della recensioni. Possibile che abbia guardato più i suoi occhi che ascoltato la recensione? La cosa non depone a favore della mia professionalità :)
    Scherzo, davvero interessante, grazie Ludo! L'avevo già sfiorata passando per aNobii, senza ascoltarla tutta (preferisco leggere, ascoltare mi risulta più difficile – ops, detta così non suona molto bene, vero? ;) ).
    Mi sono sforzata e il tipastro ne dice di cose, e di interessanti! Mi è piaciuto davvero tanto, soprattutto le sue riflessioni. E quando dice: "Queste recensioni feroci sono più motivate da una sorta di spocchia da presunto lettore esperto", ho fatto una standing ovation :)
    Molto divertente anche la recensione su lamiabibliotecaromantica (attenta, siamo già alle sfumature di rosso, perciò gli spoiler sono tanti):
    http://bibliotecaromantica.blogspot.it/2012/07/autrice-e.html
    Io ho mollato al primo della trilogia, ma mi ha incuriosito l'accenno all'ultimo capito delle sfumature di rosso, perciò ho letto a sbafo, appunto, questo ultimo capitolo; ma sai che, effettivamente, se E.L. James avesse usato il POV di Christian, sarebbe stato davvero, davvero... ehi, qui arrossisco e concludo :)
    Anzi, faccio concludere il tipo della recensione su YouTube, che alla fine muove una domanda davvero dirimente, anzi, LA domanda, quella che si sono posti tutti quelli che hanno letto questo libro: “Anastasia, la sua prima volta, ha tre orgasmi. Credevo che per una vergine la prima volta non fosse il massimo. Allora, mi rivolgo alle donne: è una cosa possibile? Conoscete qualcuna a cui è successo? Perché se è così ditemelo. Perché se è così, vuol dire che in ventisette anni di vita..." (sospira) "non ho proprio capito un cazzo."
    ;)

    RispondiElimina